Aveva importato copia di Squid Game, studente fucilato in Corea del Nord - QdS

Aveva importato copia di Squid Game, studente fucilato in Corea del Nord

Web-al

Aveva importato copia di Squid Game, studente fucilato in Corea del Nord

Web-al |
giovedì 25 Novembre 2021 - 12:27

Altri sette giovani sono stati arrestati per aver guardato la serie, uno di loro è stato condannato all'ergastolo e altri andranno ai lavori forzati

La Corea del Nord ha condannato a morte uno studente che ha diffuso in patria copie della serie sudcoreana ‘Squid game’. Secondo quanto riporta il Daily Mail il giovane è tornato dalla Cina con una riproduzione digitale della serie Netflix, nascosta in una chiavetta Usb, e ne ha venduto alcune copie a diverse persone, inclusi altri studenti. Colto sul fatto dai servizi di sorveglianza del Paese, è stato giustiziato tramite fucilazione.

La vicenda

Radio Free Asia ha riferito che uno studente che ha acquistato una copia del disco è stato condannato all’ergastolo, mentre altri sei che hanno visto la serie sono stati condannati a cinque anni di lavori forzati.

Si ritiene che gli arresti siano avvenuti nella provincia settentrionale di Hamgyong, al confine con la Cina. “Tutto è iniziato la scorsa settimana quando uno studente delle superiori ha acquistato di nascosto una pennetta USB contenente Squid Game e ha poi guardato lo show con uno dei suoi migliori amici in classe”, ha detto una fonte delle forze dell’ordine nella provincia di North Hamgyong al servizio coreano di Rfa.

L’arresto dei sette studenti segna la prima volta che il governo applica la nuova legge sull'”Eliminazione del pensiero e della cultura reazionaria”, in un caso che coinvolge minori. La legge, promulgata l’anno scorso, prevede la morte come pena massima per la visione, la conservazione o la distribuzione di media provenienti da paesi capitalisti, in particolare dalla Corea del Sud e dagli Stati Uniti. (ADNKRONOS).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684