Coronavirus, Crisanti, "O dati o non mi vaccino". Ed è polemica - QdS

Coronavirus, Crisanti, “O dati o non mi vaccino”. Ed è polemica

redazione web

Coronavirus, Crisanti, “O dati o non mi vaccino”. Ed è polemica

sabato 21 Novembre 2020 - 00:13
Coronavirus, Crisanti, “O dati o non mi vaccino”. Ed è polemica

Il virologo padovano poi ritratta, "parole travisate". Intanto il presidente del Css, Locatelli, lo rassicura. E dagli Usa Fauci sottolinea, "sono validi anche se ottenuti velocemente". E Pfizer chiede il via libera alla Fda

“Senza i dati non mi vaccino”. Troppa velocità, fasi saltate, conoscenze insufficienti.

“Per fare un vaccino, io personalmente, voglio che sia approvato e voglio vedere i dati”, dice Andrea Crisanti, direttore di microbiologia e virologia all’Università di Padova.

Parole che hanno scatenato una lunga scia di polemiche e contro-dichiarazioni. A cominciare dallo stesso Crisanti che ha parlato di parole travisate.

A spazzar via i dubbi è stato però il presidente del Consiglio superiore di Sanità, Franco Locatelli: “Lo farei senza la minima esitazione”.

I vaccini anti-covid “che verranno resi commercialmente disponibili – ha puntualizzato Locatelli – seguiranno, per quanto in una situazione emergenziale, tutta una serie di step ineludibili garantiti dalle agenzie regolatorie. Quindi è bene ricordare sempre la responsabilità di affermazioni che poi possono avere riverbero mediatico”.

Da oltreoceano, Anthony Fauci, il massimo esperto di malattie infettive negli Stati Uniti e membro della task force anti-covid della Casa Bianca, ha ribadito che i dati dei due vaccini di Pfizer e Moderna sono “affidabili” e la velocità con la quale sono stati sviluppati “non ha compromesso la loro sicurezza e la loro integrità scientifica”.

Ma in Italia, sui social, negazionisti e no-vax imperversano e in serata Crisanti ha precisato: “Io sono uno dei firmatari-proponenti della vaccinazione antinfluenzale, come faccio ad essere contrario a un vaccino? Questa è un’autentica strumentalizzazione”.

“Facendo fase 1, 2 e 3 in parallelo – ha aggiunto però – di fatto ci si porta appresso tutti i problemi delle varie fasi. È vero che così si arriva prima, ma poi serve tutto un processo di revisione dietro, che non è molto facile da fare”.

Dichiarazioni “gravi e infondate”, per il direttore generale dell’Agenzia italiana del Farmaco (Aifa), Nicola Magrini.

“Gli studi clinici sui vaccini anti covid-19 hanno effettuato tutte le fasi di validazione e valutazione”, ha detto Magrini, e, rivolgendosi a Crisanti, ha aggiunto: “Credo che con le sue parole rechi un danno grave al Paese, oltre che a se stesso”.

Per il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri, “Crisanti si sbaglia. Il vaccino anti-Covid sarà sicuro”, mentre l’infettivologo Matteo Bassetti su Facebook, chiede che “Governo e comunità scientifica prendano le distanze da queste affermazioni gravissime”.

I vaccini covid “avranno una sicurezza identica a quella che hanno tutti i vaccini approvati da quando l’Ema esiste”, ha detto Guido Rasi, già direttore esecutivo dell’Agenzia Europea dei Medicinali (Ema) mentre Mario Melazzini, l’Ad di Ics Maugeri ha sottolineato che “sulle tempistiche che sono state date per i vaccini contro il covid ce la si può fare rispettando il rigore scientifico e tecnico”.

Intanto Biontech e Pfizer hanno inoltrato la richiesta di autorizzazione alla United States Medicines Agency (Fda) per mettere sul mercato il vaccino anti-covid mentre dalla Cina, la casa farmaceutica Sinopharm ha reso noto che due suoi vaccini sperimentali sono stati già somministrati a quasi un milione di persone, senza tuttavia fornire dati clinici che dimostrino la loro efficacia.

Ma il vaccino è come “la cavalleria nei film western”, non può essere l’unica arma per sconfiggere la pandemia, ha detto Walter Ricciardi, direttore scientifico di Ics Maugeri.

Infine il ministro della Salute, Roberto Speranza ha invitato a un approccio prudente anche se i dati che iniziamo a ricevere, dice, “lasciano intravedere la luce in fondo al tunnel”.

“Le agenzie regolatorie seguono con massima attenzione validazione”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684