Coronavirus, crolla il mercato dell'auto in Europa - QdS

Coronavirus, crolla il mercato dell’auto in Europa

redazione web

Coronavirus, crolla il mercato dell’auto in Europa

martedì 19 Maggio 2020 - 10:42
Coronavirus, crolla il mercato dell’auto in Europa

Record negativo delle immatricolazioni in aprile: - 76,3%. Il presidente di Promotor, "il peggior calo di sempre". E chiede nuovi incentivi. Per fortuna andati dalle bici. Perché, nel panorama europeo, l'Italia produce solo il 4% di vetture

Continua il crollo del mercato dell’auto in Europa, schiacciato dal peso della pandemia del coronavirus. Secondo l’Acea, l’associazione europea dei costruttori, ad aprile le immatricolazioni nell’area Ue ed Efta (incluso il Regno Unito) sono calate del 78,3% su anno, con appena 292.182 veicoli rispetto a 1.345.181 unità nel 2019.

Drammatico anche l’andamento dei primi quattro mesi: -39,1%, con 3.346.193 di autovetture immatricolate rispetto ai 5.492.003 del primo quadrimestre del 2019.

Nel dettaglio, rende noto l’associazione, nella sola Ue il calo annuo ad aprile è stato del 76,3% e del 38,5% nei primi 4 mesi.

Nell’area Efta il calo è stato più contenuto, rispettivamente -58,2% e -30,4%. E’ il mercato italiano quello che incassa la diminuzione più marcata: -97,6% e -50,7% da gennaio ad aprile. Praticamente azzerato anche il Regno Unito: il mese scorso le immatricolazioni sono scese del 97,3% (4.321 nuove unità contro 161.064 del 2019). Meno forte il calo sul quadrimestre, -43,4%. Immatricolazioni a picco anche in Spagna: -96,5% e -48,9% nei primi 4 mesi. In Germania la diminuzione è stata pari al 61,1% (-31% gennaio-aprile), -88,8% in Francia (-48% gennaio-aprile).

Aprile, ricorda l’Acea, “è stato il primo mese completamente interessato dalle restrizioni per la pandemia da coronavirus, con la maggior parte dei concessionari chiusi in tutta Europa. Il dato registrato il mese scorso stabilisce un record in negativo da quando sono iniziate le rilevazioni di mercato”.

Il Centro Studi Promotor è una struttura di ricerca specializzata sul mercato dell’automobile e in una nota il suo presidente Gian Primo Quagliano, definisce quello di aprile “il peggior calo di sempre”.

“La causa principale di questi risultati catastrofici – spiega Quagliano – è naturalmente l’emergenza coronavirus, anche se va sottolineato che il mercato auto dell’Europa Occidentale era già debole anche prima del manifestarsi della pandemia”.

“La situazione peggiore – aggiunge Quagliano, che chiaramente è parte interessata – è quella dell’Italia, dove le prospettive per i prossimi mesi restano cupe. Ciò per il fatto che il Decreto Rilancio ha completamente ignorato l’esigenza, avvertita ovunque in Europa, di rilanciare la domanda di autovetture con incentivi alla rottamazione che prevedano pure l’acquisto di vetture nuove di ultima generazione con alimentazione tradizionale”.

Quindi Promotor avrebbe voluto ancora petrolio e inquinamento, quando la pandemia ci ha regalato per qualche settimana cieli puri.

Quagliano si scaglia anche contro la “gara tra amministrazioni pubbliche di vario livello per introdurre nuove limitazioni alla circolazione di autovetture con sovrano disprezzo dell’esigenza assolutamente prioritaria di salvaguardare la salute pubblica”, spacciando l’auto come “mezzo più sicuro contro il coronavirus.

Bene ha fatto, invece, il Governo Conte, a proporre incentivi per le biciclette, anche con pedalata assistita, quelle sì mezzi sicuri e soprattutto non inquinanti.

Perché stando proprio ai dati Acea, in Europa si producevano 17 milioni di auto all’anno. Di queste un terzo veniva prodotto in Germania, il 10% ciascuno in Francia e in Gran Bretagna e solo il 4% in Italia.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684