Coronavirus, Pullara, "Indagine su reclutamento personale sanitario durante emergenza" - QdS

Coronavirus, Pullara, “Indagine su reclutamento personale sanitario durante emergenza”

redazione

Coronavirus, Pullara, “Indagine su reclutamento personale sanitario durante emergenza”

martedì 07 Luglio 2020 - 00:00

“Avviare un indagine conoscitiva in merito all’effettiva destinazione del personale sanitario reclutato per l’emergenza Covid”.
A chiederlo con un’interrogazione al presidente della Regione Siciliana e all’assessore alla Salute è Carmelo Pullara, capogruppo Popolari e Autonomisti all’Ars.

“Il decreto legge 9 marzo 2020, n. 14 – spiega Pullara – al fine di potenziare la rete di assistenza sanitaria per fronteggiare la pandemia Covid-19 , ha autorizzato il reclutamento straordinario di medici, infermieri, operatori socio assistenziali ed altre figure.

Nella nostra regione le aziende del servizio sanitario regionale hanno proceduto alla stipula dei contratti di lavoro a seguito di avvisi pubblici in coerenza al dettato normativo nazionale. Le procedure adottate erano strettamente legate a potenziare i servizi ospedalieri coerenti all’emergenza Covid.

Ebbene risulterebbe che alcune Aziende abbiano utilizzato il personale assunto per l’emergenza Covid, quindi a tal fine esclusivo destinato per coprire necessità di altro tipo non strettamente legate alla pandemia”.
“Le procedure di reclutamento straordinario – continua il deputato – siano esse a tempo indeterminato o a tempo determinato devono, quindi, trovare una corretta corresponsione con il principio autorizzativo.

Se dovesse essere riscontrato, pertanto, che il personale assunto per l’emergenza sanitaria e’ stato invece distratto ad altri scopi per essere utilizzato in servizi non strettamente legati all’emergenza si potrebbe palesare un percorso viziato.

Ecco perché – conclude Pullara- ho chiesto al presidente della Regione e all’assessore alla Salute chiarimenti in merito all’effettiva destinazione del personale sanitario reclutato per l’emergenza Covid.

In particolare ho chiesto di sapere quali iniziative vorranno adottare per accertare il rispetto dei principi imposti dalla legge e se non sia opportuno avviare un’indagine conoscitiva tesa a comprendere se il modus operandi di talune Aziende sia corretto.

Medesima richiesta farò pervenire, inoltre, alla sottocommissione di indagine sulla emergenza Covid da poco costituita come strumento della Commissione Salute di cui sono vice presidente”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684