Coronavirus, Scuole, Cts, in Sicilia si va verso un rinvio - QdS

Coronavirus, Scuole, Cts, in Sicilia si va verso un rinvio

redazione web

Coronavirus, Scuole, Cts, in Sicilia si va verso un rinvio

giovedì 07 Gennaio 2021 - 06:12
Coronavirus, Scuole, Cts, in Sicilia si va verso un rinvio

Il Comitato tecnico scientifico regionale, per l'impennata dei contagi, ha chiesto restrizioni globali. Oggi si decide. Il sindaco Orlando si dice pronto a chiudere le scuole comunali a Palermo, "non possiamo provocare una strage"



Il Comitato tecnico scientifico regionale è intenzionato a chiedere provvedimenti più restrittivi, alla luce della crescita esponenziale di contagi in Sicilia e ad attendere sulla riapertura di tutte le scuole, comprese quelle primarie e secondarie di primo grado.

Questo l’orientamento emerso nel corso della riunione svoltasi ieri sera con gli assessori regionali all’Istruzione, Roberto Lagalla, e alla Salute, Ruggero Razza.

Lagalla ha rappresentato l’esigenza di conoscere, sulla base dei dati tecnico-scientifici in possesso dello stesso Cts, i potenziali elementi di rischio sanitario connessi alla eventuale riapertura in presenza delle scuole superiori, a partire dal prossimo undici gennaio.

Il Cts, anche alla luce dell’esigenza di armonizzare la specifica richiesta con le ulteriori proposte di mitigazione diffusiva del contagio, ha assicurato, nel continuare i lavori in sede tecnica, che entro oggi sarà fornito un formale parere.

Il Comitato sarebbe intenzionato a chiedere restrizioni globali, a cominciare dalla scuola, dove è probabile un ritorno alla didattica a distanza.

Orlando, pronto a chiudere le scuole a Palermo

E pronto a chiudere di nuovo le scuole comunali si è detto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, dichiarando: “Siamo nuovamente nella situazione di qualche mese fa, quando sono stato costretto a sospendere un provvedimento già pronto ancorché di dubbia legittimità per le scuole di competenza comunale”.

“La scuola è importante, certamente – ha aggiunto – , ma non possiamo per questioni di principio provocare una strage”.

“Lo stesso vale – ha aggiunto Orlando – per le attività economiche per le quali torniamo a chiedere interventi adeguati. Non è inoltre accettabile continuare a bloccare la capacità dei Comuni di rendere servizi essenziali per vincoli e limiti di spesa che altri paesi europei hanno sospeso e che in Italia continuano a essere vigenti”.

“Non sono tollerabili – ha poi sottolineato il sindaco di Palermo – impuntature di burocrazie di Palazzo che sembrano vivere fuori dalla attuale realtà”.

“Se è emergenza – ha concluso – si adottino provvedimenti di emergenza che tutti gli altri paesi europei hanno già adottato. Non vi è più tempo da perdere”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684