Covid, riaperture, oggi il Cts si riunisce per sciogliere i nodi - QdS

Covid, riaperture, oggi il Cts si riunisce per sciogliere i nodi

redazione web

Covid, riaperture, oggi il Cts si riunisce per sciogliere i nodi

lunedì 19 Aprile 2021 - 07:02
Covid, riaperture, oggi il Cts si riunisce per sciogliere i nodi

Secondo il sottosegretario alla Salute Sileri, è ancora presto per togliere il coprifuoco ma il processo è stato avviato". E Rezza avverte, "Se l'epidemia riparte, intervenire subito"

Oggi è un giorno decisivo per quelle riaperture anticipate al 26 aprile, visto che in questo lunedì il Comitato tecnico scientifico dovrà sciogliere gli ultimi nodi.

La situazione appare migliorata ma non si è ancora stabilizzata e dagli esperti giuntono alcuni avvertimenti soprattutto rispetto ai proclami populisti del capo della Lega Matteo Salvini che, dopo aver puntato sui migranti, adesso cavalca il malcontento sulle riaperture.

Il nodo coprifuoco

Ma, ragionevolmente, di togliere il coprifuoco, attualmente previsto alle 22, per il momento non se ne parla.

“I numeri – ha sottolineato il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri – non sono ancora così buoni da abbattere le restrizioni ed è presto per togliere il coprifuoco. Ma le riaperture sono irreversibili: non dovremo più temere di dover chiudere, visto che la campagna vaccinale avanza”.

Sileri invita dunque a non correre sul coprifuoco perché l’incidenza nei contagi è ancora alta.

Fedriga vuole di più

“Penso si potesse riaprire di più – ha affermato il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, leghista – ad esempio le palestre con le lezioni individuali che non sono fonte di particolare contagio. Su qualche dettaglio potremmo collaborare col Governo per migliorare le misure”.

Sui pass, invece, sono tre le possibilità per ottenerli: la vaccinazione, un tampone nelle ultime 48 ore oppure l’aver avuto il covid nei sei mesi precedenti.

La paura che il virus possa ripartire

Nel momento in cui si allenta, è normale che l’epidemia possa ripartire e un rischio riaperture c’è, “ma abbiamo un sistema di allerta precoce per intervenire subito” ha spiegato Gianni Rezza, capo Prevenzione ministero Salute e membro del Cts.

Cruciali settimane dopo riaperture

“Il rischio accettabile per un epidemiologo è zero – ha premesso -, per un economista può essere cento e per chi ha dovuto chiudere un’attività è ancora più elevato. È legittimo che la politica trovi una sintesi, però occorre stare attenti: se l’epidemia riparte, occorre intervenire subito”.

Per Rezza “saranno cruciali le due-tre settimane successive alla riapertura”.

E in questo ci aiuteranno i test salivari, “ormai affidabili quanto il tampone”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684