Covid, Sudafrica, l'ondata di Omicron si sta esaurendo - QdS

Covid, Sudafrica, l’ondata di Omicron si sta esaurendo

web-mp

Covid, Sudafrica, l’ondata di Omicron si sta esaurendo

web-mp |
sabato 08 Gennaio 2022 - 08:58

I medici, "Chiari segnali che i tassi di ricovero ospedaliero e di casi potrebbero diminuire nelle prossime settimane"

Buone notizie dal Sudafrica, paese d’origine della variante omicron del coronavirus. Mentre l’Europa, e l’Italia, sono alle prese con il diffondersi della variante e l’Istituto superiore di sanità prevede due settimane ad alta intensità.

I medici di una delle città in cui Omicron è stato identificato per la prima volta affermano che l’impennata causata dalla nuova variante è stata contrassegnata da una malattia meno grave rispetto alle prime ondate di pandemia e ci sono chiari segnali che i tassi di ricovero ospedaliero e di casi potrebbero diminuire nelle prossime settimane.

Tasso mortalità in calo

Allo Steve Biko Academic Hospital nella città di Tshwane, i medici hanno confrontato 466 pazienti infetti ricoverati da metà novembre 2021 con 3.976 pazienti ricoverati prima di allora. Il tasso di mortalità durante l’impennata di Omicron è stato del 4,5%, rispetto al 21,3% nel periodo precedente, si legge nell’International Journal of Infectious Diseases, citato da Reuters.

Pazienti con omicron dimessi in pochi giorni

I pazienti con Omicron sono stati dimessi dopo una media di 4 giorni, rispetto a 8,8 giorni per i pazienti con varianti precedenti. Al culmine dell’ondata di Omicron, il numero di letti occupati dai pazienti infetti era la metà di quello del periodo precedente e il 63% dei pazienti di Omicron è stato ricoverato in ospedale per altri motivi, con il virus rilevato solo dai test obbligatori.

Diffusione Omicron in forte riduzione

L’epidemia di Omicron si è diffusa e si è ridotta allo stessa velocità con cui si è diffusa, raggiungendo il picco entro quattro settimane”, sostengono i ricercatori che hanno sottolineato come i risultati possano variare in Paesi con caratteristiche della popolazione e livelli di immunità diversi da infezioni e vaccinazioni. Ma se il modello osservato in Sud Africa “continua e si ripete a livello globale… Omicron potrebbe essere un presagio della fine della fase epidemica” della crisi. 

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684