Coronavirus, migranti in quarantena sulle navi, i dubbi del Garante - QdS

Coronavirus, migranti in quarantena sulle navi, i dubbi del Garante

redazione

Coronavirus, migranti in quarantena sulle navi, i dubbi del Garante

giovedì 30 Aprile 2020 - 00:00

“Non può comportare una condizione di ‘limbo’ in cui i diritti non vengono garantiti”. E sottolinea che l’esperienza della nave Rubattino, al largo di Palermo, "non sembrerebbe destinata a rimanere un caso isolato". Nei Cpr, intanto, la situazione è stabile

ROMA – “La realizzazione delle misure di quarantena in luoghi straordinari ed eccezionali non può comportare una situazione di ‘limbo’: le persone migranti sono sotto la giurisdizione dello Stato italiano ai fini delle misure sanitarie loro imposte, ma al contempo non hanno la possibilità, e per un periodo di tempo non indifferente, di esercitare i diritti che il nostro Paese riconosce e tutela”.

È quanto ha evidenziato il Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale riferendosi alla situazione della quarantena dei migranti.

“Tale speciale procedura – ha aggiunto il Garante – ha trovato la sua prima, e per il momento unica, applicazione nei confronti dei migranti soccorsi dalle imbarcazioni ‘Alan Kurdi’ e ‘Aita Mari’, trasferiti, rispettivamente il 17 e il 19 aprile a bordo della nave ‘Raffaele Rubattino’ della Compagnia italiana Tirrenia che rimarrà ancorata a un miglio al largo dal porto di Palermo per tutta la durata del periodo di quarantena. Ma l’esperienza della nave ‘Rubattino’ non sembrerebbe destinata a rimanere un caso isolato giacché il ministero delle Infrastrutture e dei trasporti il 19 aprile ha avviato una procedura per il servizio di noleggio di unità navali da adibire all’assistenza e alla sorveglianza sanitaria dei migranti soccorsi in mare o giunti sul territorio nazionale a seguito di sbarchi autonomi. E comunque i migranti, non possono chiedere asilo, non sono di fatto, e quanto meno temporaneamente, tutelati in quanto vittime di tratta o minori stranieri non accompagnati. Né possono tempestivamente accedere alle procedure per il ricongiungimento familiare ai sensi del Regolamento Dublino, procedure peraltro che hanno una loro intrinseca scadenza. E quindi ovviamente, a queste tutele si aggiunge la garanzia fondamentale di ogni persona privata della libertà di ricevere informazioni chiare ed esaustive sulle ragioni alla base della misura restrittiva. A tale proposito, la titubanza delle Autorità nel fornire informazioni certe relativamente alla destinazione delle persone a bordo della nave non appare rassicurante. Sotto tale profilo l’imposizione di un periodo di quarantena nei confronti di persone per le quali non è al momento possibile indicare una soluzione di accoglienza appare contraddittoria e critica”.

Nei giorni scorsi si è svolta una riunione in videoconferenza con i Garanti delle Regioni, Province, Città metropolitane e Comuni per avere un confronto con il Garante nazionale sulle situazioni di privazione della libertà, con particolare attenzione all’ambito dei migranti nei Centri di permanenza per i rimpatri (Cpr), negli hotspot e nei luoghi di quarantena e alle strutture di tipo sanitario, come le Residenze per le misure di sicurezza (Rems) e le Residenze sanitarie assistenziali (Rsa).

Riguardo ai migranti, la situazione delle presenze nei Cpr rimane grosso modo stabile, con un totale di 240 persone trattenute. I Centri sono generalmente molto al di sotto della capienza effettiva, con solo due eccezioni: i Cpr di Macomer e Gradisca di Isonzo, che sono quasi al completo. Per quanto riguarda gli hotspot si confermano i numeri dei giorni precedenti: 116 persone a Lampedusa, 50 a Pozzallo e 57 a Messina.

Hotspot e altre strutture del territorio siciliano in questo periodo di emergenza sanitaria sono divenuti luoghi temporanei di quarantena per i cittadini stranieri sbarcati sulle coste italiane. Con circolare del 18 marzo 2020 il Capo Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione ha stabilito, infatti, che tutte le persone migranti in ingresso sul territorio italiano siano sottoposte alle misure di sorveglianza sanitaria e di isolamento fiduciario, in linea con quanto previsto in generale dal decreto del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti e del ministro della Salute il 17 marzo scorso nei confronti di tutte le persone in entrata in Italia.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684