Dad, l'inizio è stato davvero terribile - QdS

Dad, l’inizio è stato davvero terribile

redazione

Dad, l’inizio è stato davvero terribile

lunedì 08 Giugno 2020 - 18:47
Dad, l’inizio è stato davvero terribile

La situazione in cui ci troviamo, ci ha portato a mantenere le nostre abitudini, le nostre amicizie e i nostri doveri, a distanza.

Doveri come quelli dellʼistruzione, impartirla e riceverla. Un momento davvero stressante e confuso per gli studenti e gli insegnanti, e niente meno che per i genitori degli alunni.

Lʼinizio di questo periodo è stato quello davvero terribile: il nuovo approccio con le piattaforme online per le videoconferenze, per riuscire a comunicare è stato davvero complicato.

Gli insegnanti hanno dovuto iniziare a lavorare come non mai, hanno dovuto iniziare a preparare contenuti interattivi, video in cui spiegavano le lezioni assegnate; hanno dovuto riorganizzare tutto lʼoperato antecedente e iniziare nuovi gruppi di interrogazione, dividendo ogni giorno disponibile in ore per la spiegazione e in ore dedicate alle verifiche generali o individuali.

Gli alunni, altrettanto, hanno subito un vero sconvolgimento delle abitudini quotidiane, tutto ci è sembrato negativo, perché al principio non riuscivano a organizzare il loro tempo in modo adeguato. Dopo qualche mese, dopo aver capito come gestire la situazione, hanno cominciato a capire che questo tempo era prezioso e doveva essere utilizzato per qualcosa di produttivo. Moltissimi studenti e ragazzi hanno approfittato del tempo in più per prendersi cura di loro stessi, studiare in modo più approfondito, trovando le fonti e gli avvenimenti precisi di quello che studiavano, trovando anche il tempo per le loro passioni, per terminare o iniziare ad esempio a leggere libri mai aperti, o lasciati a metà.

I genitori sono anche loro al centro di questi avvenimenti, alcuni di loro devono fare le pulizie mattutine o lavorare da casa come i figli senza cercare di disturbare o turbare le lezioni interattive.

Tutto questo è anche positivo perchè tutti hanno trovato unʼopportunità o una scusa per prendersi cura degli affetti che prima avevano trascurato o anche per la loro cura personale.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684