Dall'Asp di Palermo rassicurazioni sull'ospedale di Partinico - QdS

Dall’Asp di Palermo rassicurazioni sull’ospedale di Partinico

redazione

Dall’Asp di Palermo rassicurazioni sull’ospedale di Partinico

venerdì 05 Giugno 2020 - 16:22
Dall’Asp di Palermo rassicurazioni sull’ospedale di Partinico

“Non c’è stato alcun dimezzamento dei posti letto dell’ospedale, riaperto con la massima dotazione disponibile nel rispetto delle misure di contenimento dell’epidemia da Coronavirus, a iniziare dal distanziamento dei letti e da percorsi dedicati”. Lo ha precisato la Direzione aziendale dell’Asp, spiegando come “l’organizzazione del nosocomio rifletta la medesima degli altri ospedali dell’Asp di Palermo e del Servizio sanitario nazionale, tutti tenuti a rispettare misure di sicurezza e distanziamento”.

La risposta è arrivata ieri a seguito di numerose proteste che hanno interessato proprio la riattivazione dei servizi all’interno della struttura. “Questa amministrazione – hanno aggiunto dall’Azienda sanitaria provinciale del capoluogo – ha dimostrato cura e rigorosa applicazione di tutte le misure di protezione anche in piena pandemia, tant’è che nessun operatore del Covid Hospital di Partinico è stato contagiato”.

“Sorprende – è stato sottolineato nella nota dell’Asp – che qualcuno voglia far passare un messaggio fuorviante, e cioè che, nel ritorno alla normale attività in appena una settimana dalla dimissione dell’ultimo paziente Covid, ci sia stato un ridimensionamento dell’offerta sanitaria”.

“Le critiche – hanno chiarito i vertici sanitari – sono sempre stimolanti, a meno che non forniscano una chiave di lettura diversa dalla realtà dei fatti, rischiando di creare confusione e disorientamento nella gente”.

I rappresentanti dell’Azienda sanitaria provinciale hanno poi puntato il dito contro chi avrebbe utilizzato il presunto ridimensionamento dell’Ospedale cittadino per fini politici. “Non si ritiene accettabile – hanno affermato – alcuna propaganda elettorale a carico di un’organizzazione che ha affrontato con determinazione e coraggio uno dei momenti più difficili della nostra Nazione dal dopoguerra a oggi”.

“Si rinviano, pertanto, al mittente – hanno concluso dall’Asp – critiche che possano anche esprimere insensibilità e incoscienza nel merito di una questione molto seria, quale la sicurezza pubblica”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684