De Luca: "Non abbandono Messina, voglio essere sindaco della Sicilia" - QdS

De Luca: “Non abbandono Messina, voglio essere sindaco della Sicilia”

Web-al

De Luca: “Non abbandono Messina, voglio essere sindaco della Sicilia”

Web-al |
giovedì 20 Gennaio 2022 - 11:21

Il sindaco di Messina annuncia: "Alle prossime elezioni sarò il capolista per fare il presidente del Consiglio comunale"

“Dalla rada San Francesco dove ero accampato, ho firmato lo scorso 17 gennaio le mie dimissioni che saranno efficaci come prevede la legge dopo 20 giorni. Quindi sarò sindaco di Messina sino alle ore 23.59 di domenica 6 febbraio. A seguire verrà nominato dal governo regionale un commissario che gestirà la fase transitoria, circa tre mesi, fase che condurrà alle elezioni amministrative, probabilmente a fine maggio”. Così il sindaco di Messina Cateno De Luca.

“Non abbandono Messina”

“Io non andrò via da Messina e vi assicuro che mi ricandido – ha aggiunto – Ma sono stato costretto a dimettermi perché in questi tre anni è stato molto difficile lavorare. Insieme alla mia squadra di assessori abbiamo lavorato con il cosiddetto ‘freno a mano’, operare in queste condizioni è ormai diventato impossibile e logorante. Pertanto, la legislatura si interrompe. Peccato, potevamo fare molte più cose se avessimo avuto un Consiglio comunale non rappresentato per la maggioranza da creduloni e ingenui: asini volanti”. “SARO CAPOLISTA PER FARE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE” (CLICCA QUI)

La candidatura alla Regione

“Il mio obiettivo è diventare Sindaco della Sicilia, di questa Sicilia per tutelare i diritti dei siciliani, ma comunque da Messina non vado via. Alle prossime elezioni sarò il capolista per fare il presidente del Consiglio comunale, ruolo che mi consentirà di candidarmi a presidente della Regione siciliana“. Così il sindaco di Messina Cateno De Luca che il 17 gennaio ha firmato le sue dimissioni che saranno valide dal 7 febbraio.

“Oggi Messina è diventata protagonista grazie alla scelta che i messinesi hanno fatto il 24 giugno 2018, siete voi a contribuire a fare diventare Messina un trampolino di lancio per la Sicilia – dice – noi possiamo scrivere una nuova pagina di storia politica di tutta l’Italia perché dalla Sicilia può partire finalmente quel movimento meridionalista che sappia fare le barricate nei confronti di uno Stato che continua a ignorarci”.

E aggiunge: “Non mi va che il Meridione continui ad essere calpestato e derubato, non mi va che il Presidente della Regione siciliana non venga preso mai in considerazione, non mi va che tutti noi siamo considerati sudici, diventato ormai acronimo di Sud. Proprio dalla Sicilia deve partire questa spinta meridionalista: se sta bene il Meridione sta bene tutta l’Italia”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684