Dehors, c'è la proroga fino a fine anno con il Dl Aiuti ter - QdS

Dl Aiuti ter, arriva la proroga fino a fine anno per i dehors negli spazi aperti

web-sr

Dl Aiuti ter, arriva la proroga fino a fine anno per i dehors negli spazi aperti

web-sr |
venerdì 23 Settembre 2022 - 19:51

La proroga per gli esercizi viene adesso estesa fino al 31 dicembre del 2022, "salvo disdetta dell'interessato".

C’è la proroga fino al termine dell’anno della possibilità per bar e ristoranti di installare dehors e pedane negli spazi aperti. Lo stabilisce l’ultima bozza del Dl Aiuti ter approvato all’unanimità dal Consiglio dei ministri e che attendere si essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

La proroga è stata decisa grazie all’inserimento di un nuovo articolo (“ulteriori disposizioni di sostegno alle imprese”) che arricchisce la bozza che era stata precedentemente introdotto in Consiglio dei ministri.

Dehors, rinnovata la misura del 2020

Grazie a questo nuovo passaggio, viene estesa fino al 31 dicembre, “salvo disdetta dell’interessato”, l’applicazione delle disposizioni che erano state decise nel 2020 in tempo di fitta pandemia.

Tali disposizioni prevedono la posa in opera temporanea su vie, piazze, strade e spazi aperti di strutture amovibili come dehors, elementi di arredo, attrezzature, pedane, tavolini, sedute e ombrelloni.

Proroga Dehors, le reazioni

Diverse e contrastanti le reazioni emerse a seguito dell’applicazione della proroga.

La Fipe Confcommercio, la Federazione italiana dei Pubblici esercizi, plaude al Governo per il mantenimento di “una misura che è stata particolarmente apprezzata anche dai cittadini e che ha permesso di rivitalizzare le città”.

Particolarmente critico, invece, il Codacons che parla di “un abuso a danno dei cittadini” perché la misura “aumenta il degrado, il caos e riduce gli spazi pubblici”.

Il presidente nazionale di Fiepet Confesercenti Giancarlo Banchieri, definisce il mantenimento della norma una “notizia assolutamente positiva” e “fondamentale per fronteggiare la drammatica situazione che si trovano ad affrontare i pubblici esercizi in questo momento”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684