Duplice omicidio nel Messinese per un parcheggio - QdS

Duplice omicidio nel Messinese per un parcheggio

redazione

Duplice omicidio nel Messinese per un parcheggio

venerdì 16 Agosto 2019 - 12:14
Duplice omicidio nel Messinese per un parcheggio

Vittime sono zio e nipote, i Carabinieri catturano l'omicida, originario di Paternò (Catania), che si era barricato in casa. Un altro ferito grave. Il sindaco di Ucria Crisà, "La nostra piccola comunità è sconvolta"

Due persone, Antonino e Fabrizio Contiguglia, zio e nipote di sessanta e trent’anni, sono state uccise ieri sera a Ucria (Messina) con colpi di fucile dopo una lite scoppiata a seguito di una disputa sul parcheggio delle automobili.

Un terzo parente è stato gravemente ferito ed è stato ricoverato prima nell’ospedale di Patti e poi nel Papardo di Messina, dove sarà operato. Si chiama Salvatore Contiguglia, ha 43 anni ed è un altro nipote di Antonino..

A sparare a tutti una persona, della quale non è stato ancora reso noto il nome, catturata dai Carabinieri dopo che, fuggita, si era barricata nella casa di Ucria affittata per una vacanza.

Subito dopo la sparatoria – o forse subito prima, gli investigatori stanno cercando di accertarlo con precisione – è scoppiata una violentissima rissa tra persone vicine alle due vittime da una parte e altre amiche dell’omicida.

Ucria, il piccolo paese del messinese dove ieri sera si è consumata la tragedia, stamattina si è svegliato sconvolto.

Come detto, nella notte è stato fermato l’uomo accusato di essere l’assassino. L’unico particolare che si conosce su di lui è che sarebbe originario di Paternò (Catania). Dopo il fermo, disposto dal pm di Patti Andrea Apollonio, l’uomo è stato trasferito nel carcere di Gazzi a Messina.

“La nostra piccola comunità è sconvolta”, ha commentato il sindaco di Ucria, Vincenzo Crisà, parlando dell’episodio.

“Siamo sotto shock per quanto accaduto – ha aggiunto -, nel nostro centro montano non era mai avvenuto qualcosa di tale gravità, un così efferato fatto di sangue. Ci tengo a sottolineare che il nostro è un paese accogliente, pacifico e tranquillo, popolato solo da mille persone e dove nel periodo estivo tanti turisti vengono per trascorrere in pace le vacanze”.

“Siamo vicini – ha concluso – ai parenti delle vittime e in segno di lutto abbiamo sospeso tutte le manifestazioni estive”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684