Durante la pandemia raddoppiate le chiamate al 1522 - QdS

Durante la pandemia raddoppiate le chiamate al 1522

Serena Giovanna Grasso

Durante la pandemia raddoppiate le chiamate al 1522

giovedì 27 Agosto 2020 - 00:00

Istat: in Sicilia tra marzo e giugno il numero verde contro violenza e stalking è stato contattato 859 volte (438 nel 2019). Incremento frutto delle campagne di sensibilizzazione trasmesse sui canali televisivi e rilanciate sui social

PALERMO – Complice la convivenza forzata determinata dal lockdown, in Sicilia nel periodo compreso tra marzo e giugno il numero di chiamate ricevute dal 1522, il numero verde contro la violenza e lo stalking, è letteralmente raddoppiato rispetto a quanto rilevato nello stesso periodo dell’anno precedente. Infatti, nell’Isola rispetto alle 438 chiamate accolte nel quadrimestre marzo-giugno 2019, nel corso del periodo pandemico ne sono state registrate ben 859.

A livello nazionale, invece, le chiamate sono aumentate ad una velocità ancora maggiore rispetto a quella registrata nella nostra regione: infatti, sono passate dalle complessive 6.956 rilevate nel corso del periodo oggetto di attenzione del 2019 alle 15.280 dell’anno in corso (con un incremento pari circa al 120%). Lombardia (2.055, rispetto alle 939 dell’anno scorso), Lazio (1.898, contro le 919 del 2019) e Campania (1.492, contro le 772 dell’anno precedente) sono le tre regioni in cui si registrano i numeri maggiormente elevati di chiamate giunte al numero verde 1522 (complessivamente pari a 5.445, oltre un terzo del totale Italia).

Delle 859 chiamate ricevute dalla Sicilia durante l’emergenza sanitaria, 194 sono state effettuate da soggetti che si erano già precedentemente rivolti al servizio; mentre 665 sono state effettuate da nuovi utenti. Ciò significa che le campagne di sensibilizzazione promosse dal dipartimento per le Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri sui canali televisivi e rilanciate sui social tra la fine di marzo ed aprile hanno rinforzato il messaggio dell’importanza della richiesta di aiuto per uscire dalla violenza.

Sono diminuite le chiamate fatte per errori non intenzionali e quelle fatte per errori voluti, come quelle effettuate per scherzo o per molestare, volte a denigrare la funzione di aiuto e supporto del 1522. Accanto alla richiesta di aiuto da parte delle vittime di violenza, crescono anche le chiamate per avere informazioni sulla tipologia di servizi offerti dal 1522.

Inoltre, durante il periodo di lockdown, il numero verde ha fornito informazioni e consulenze anche a diverse ed eterogenee necessità di aiuto indicando numeri utili di supporto sociale e psicologico e rinviando gli utenti ad altri servizi.

Le 859 chiamate arrivate dalla Sicilia sono state effettuate da 346 utenti, rispetto ai 194 utenti che si erano rivolti al servizio nello stesso periodo dell’anno precedente: dunque, nel periodo preso in considerazione, in media ciascun utente ha effettuato 2,5 chiamate. Mentre a livello nazionale, ammonta mediamente a 2,2 il numero di chiamate effettuate da ciascun utente che si è rivolto al servizio (per una quota complessivamente ammontante a 6.494 utenti). Naturalmente, il numero maggiormente elevato di utenti che ha contattato il numero verde si registra nelle stesse regioni in cui si rileva il maggior numero di chiamate effettuate: ovvero, si tratta di Lombardia (990, rispetto ai 450 dell’anno precedente), Lazio (759, i 422 del 2019) e Campania (642, quindi 318 in più rispetto ai 324 registrati nello stesso periodo dello scorso anno).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684