Ferla, multe da 500 euro a chi discrimina le persone Lgbt+ 

Ferla, multe da 500 euro a chi discrimina le persone Lgbtqia+ 

web-mp

Ferla, multe da 500 euro a chi discrimina le persone Lgbtqia+ 

web-mp |
lunedì 04 Luglio 2022 - 15:28

Ferla è l’unico in Sicilia che ha anticipato il ddl Zan

Mentre il DDL Zan attende di tornare in discussione al Senato, c’è chi non ha deciso di aspettare, anzi di portarsi in avanti. Otto piccoli comuni italiani stanno mettendo in pratica alcune buone pratiche che del tanto discusso DDL, dando un segnale importante.

Tra i comuni promotori dell”iniziativa c’è piccolo comune di Ferla, in provincia di Siracusa che ha approvato una delibera in cui si prevede una sanzione amministrativa di 500 euro per dichiarazioni o azioni discriminatorie contro la comunità LGBTQIA+.

Lo ha annunciato, a mezzo social, il sindaco di Ferla, Michelangelo Giansiracusa: “Le discriminazioni, di ogni genere, vanno sempre punite. Un provvedimento che da un segnale forte alla politica nazionale, spero tanti altri comuni italiani facciano lo stesso”.

“Attraverso una delibera di giunta si legge nel posto pubblicato dal primo cittadino, l’amministrazione comunale si schiera contro le discriminazioni o le dichiarazioni offensive verso persone disabili, gay, lesbiche, transessuali, bisessuali, di persona o sui social collegati all’amministrazione di Ferla”.

Cosa prevede il regolamento

L’amministrazione di Ferla lo scorso 13 giugno aveva ricevuto una nota dal Partito Gay-LGBT+, Solidale, Ambientalista, Liberale con cui inviava una proposta di deliberazione da applicare nel territorio comunale, al fine di contrastare le azioni discriminatorie contro le persone Lgbt+, donne e persone con disabilità, in assenza di una legge nazionale a riguardo.

Multe di 500 euro e celebrazione della giornata mondiale contro omobitransfobia

Il nuovo regolamento comunale, prevede che su tutto il territorio, compreso l’on-line e i profili social che richiamano il paese, le azioni di propaganda d’odio, così come parole e gesti discriminatori, saranno vietati. Pena una sanzione amministrativa di 500 euro. Inoltre, l’amministrazione comunale si impegna a realizzare iniziative di sensibilizzazione in occasione di ogni 17 maggio, giornata mondiale contro l’omotransfobia.

Manca ancora un passaggio per renderla applicabile, ma Ferla è l’unico in Sicilia che ha anticipato il ddl Zan, nel resto d’Italia ci sono anche Cancellara (Potenza), Madonna del Sasso (Verbano Cusio Ossola), Morterone (Lecce), Castiglione Cosentino (Cosenza); San Nicolò d’Arciano (Oristano). Castelnuovo Cilento (Salerno), Oriolo (Cosenza).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684