Ferrovie, i nuovi treni Blues debutteranno in Sicilia - QdS

Ferrovie, i nuovi treni Blues debutteranno in Sicilia

redazione

Ferrovie, i nuovi treni Blues debutteranno in Sicilia

Nino Sunseri  |
giovedì 22 Settembre 2022 - 06:50

Il Gruppo FS ha scelto l’Isola per lanciare gli innovativi mezzi dotati di tre sistemi di trazione: elettrica, diesel e batteria. L’Ad di Trenitalia Luigi Corradi: "In servizio entro l’anno"

PALERMO – Il Gruppo Ferrovie dello Stato sceglie la Sicilia per il debutto del nuovissimo treno Blues. Lo ha annunciato l’amministratore delegato di Trenitalia Luigi Corradi, nel corso di un incontro con la stampa a margine di Innotrans, la grande fiera della mobilità in corso a Berlino. “Le prove – ha spiegato – sono già in corso e l’entrata in servizio è prevista entro l’anno”. I convogli verranno utilizzati soprattutto nelle linee interne a cominciare dalla Palermo-Agrigento.

Una rivoluzione nella mobilità

Il Blues, infatti, segna una sorta di rivoluzione nella mobilità. È dotato di tre sistemi di trazione: elettrica, diesel e batteria. Vuol dire che quando è possibile alza il pantografo e usa la potenza elettrica. Nei tratti non ancora elettrificati marcia con il motore diesel alimentato con eco-combustibile mentre le batterie verranno impiegate per le manovre in stazione allo scopo di abbattere le emissioni. Il treno nasce da un progetto Hitachi e verrà costruito negli stabilimenti italiani del gruppo di Pistoia e Napoli.

A presentare il nuovo prodotto, accanto a Corradi c’era Andrew Burr, il capo della divisione ferroviaria di Hitachi che ha ricordato la centralità del nostro Paese nella geografia industriale del gruppo. Gli stabilimenti italiani occupano seimila persone sulle 14 mila che rappresentano l’organico complessivo del settore ferroviario dell’azienda.. Una presenza strategica dopo che Hitachi ha rilevato la attività di Ansaldo legate al trasporto ferroviario.

Lo sviluppo del trasporto regionale, come ha spiegato l’amministratore delegato del gruppo Fs, Luigi Ferraris, assorbe otto dei 15 miliardi di investimenti previsti dal piano industriale in nuovo armamento. Verranno acquistati 800 treni. In gran parte entro il 2026 consentendo, quindi, un gigantesco ringiovanimento della flotta. “Avremo una delle dotazioni più giovani d’Europa. L’età media dei nostri treni sarà di sette anni e mezzo”.

Il rinnovamento del trasporto locale ha avuto una accelerazione forte a partire dal 2019 con l’entrata in servizio della serie Pop e Rock. Adesso, continuando la serie musicale iniziata nel 2014 con Jazz, arriva Blues. Ferrovie ne ha ordinati 110 ma la commessa dovrebbe arrivare a 135, Ogni treno costerà 10 milioni. Quasi in contemporanea con la Sicilia il nuovo arrivato debutterà in Sardegna. Poi Toscana e Lazio.

“E’ un treno ancora più sostenibile” ha dichiarato Corradi considerando anche un risparmio di energia del 30% rispetto agli attuali standard. E’ il primo convoglio regionale che può essere attrezzato per offrire alle famiglie un’area dedicata interamente ai bambini. Blues può raggiungere i 160 km/h di velocità e ospitare fino a 300 persone sedute nella composizione a quattro carrozze. Il treno, spiegano gli uomini di Trenitalia, è stato progettato attorno alle esigenze dei passeggeri.

Dall’architettura degli interni che esalta gli spazi alle ampie superfici vetrate, con finestrini di lunghezza maggiorata; fino alla disponibilità di un massimo di otto postazioni bici raggiungibili direttamente dal vestibolo e all’elevata capacità di trasporto bagagli. Il treno è, inoltre, dotato di un sistema di climatizzazione, con ottimizzazione dei consumi in base all’effettivo numero di passeggeri trasportati. Sono presenti prese usb e di corrente a 220V e la predisposizione a una maggiore e più semplice connettività a bordo. L’impronta sostenibile del Blues sta anche nella scelta dei materiali che garantiscono elevati livelli di riciclabilità (95%) unitamente all’utilizzo delle materie prime provenienti dal riciclo.

Inoltre, il sistema di illuminazione interna ed esterna a led, la gestione intelligente dei consumi dell’impianto di condizionamento e le funzionalità Green Drive (sistema di informazioni di supporto al macchinista) e Smart Parking permettono di ridurre al minimo i consumi energetici. Il Blues è dotato di moderne tecnologie al servizio delle persone: sistema di videocamere di sorveglianza a circuito chiuso, sistema di informazione ai passeggeri basato su monitor da 24” di grande visibilità e sistemi integrati per il conteggio dei viaggiatori con telecamere dedicate su tutte le porte d’accesso.

Il posizionamento dei componenti di trazione sul tetto del treno (chiamato tecnicamente imperiale) invece costituisce un vantaggio a favore degli spazi interni più ampi e completamente fruibili da tutti i passeggeri. Le postazioni per le sedie a rotelle sono collocate nelle immediate vicinanze delle porte di accesso, così da ridurre al minimo il tragitto all’interno del convoglio. L’accessibilità è ottimizzata secondo le più recenti specifiche tecniche portando a realizzare una facile accessibilità al treno a beneficio di tutti i viaggiatori. La cabina di guida è stata sviluppata in accordo alle più recenti normative e presenta un banco dal design innovativo.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684