Ficarazzi, percepiva reddito di cittadinanza ma lavorava in casa, denunciata - QdS

Ficarazzi, percepiva reddito di cittadinanza ma lavorava in casa, denunciata

Web-mp

Ficarazzi, percepiva reddito di cittadinanza ma lavorava in casa, denunciata

Web-mp |
sabato 16 Ottobre 2021 - 08:41

Nella propria abitazione gestiva un vero e proprio salone id bellezza, con tanto di attrezzature, e certificati di frequentazione corsi estetici

Un centro estetico abusivo, la cui titolare percepiva anche il reddito di cittadinanza, è stato scoperto a Ficarazzi, nel Palermitano, dalla Guardia di finanza.

L’attività era stata avviata in un’abitazione privata. I militari della Compagnia di Bagheria hanno accertato che la donna pubblicizzava sui social network il centro estetico che, all’atto dell’accesso, è risultato provvisto di lettini, lampade speciali, attrezzature per la manicure o per la ceretta, prodotti di bellezza esposti per la vendita e persino alcuni certificati attestanti la frequentazione di corsi da estetista affissi alle pareti.

Dai successivi controlli in sinergia con l’Inps la donna è risultata anche illecitamente beneficiaria del reddito di cittadinanza per un ammontare pari a 12.067,50 euro.

L’estetista abusiva è stata denunciata anche per l’indebita percezione del beneficio e sono state immediatamente avviate le operazioni di irrogazione delle sanzioni amministrative di revoca o decadenza da parte dell’Inps, a cui spetta il recupero dell’importo indebitamente percepito. Inoltre, sono stati intrapresi i controlli finalizzati a constatare le violazioni di natura tributaria commessi per l’omessa dichiarazione dei redditi da lavoro autonomo che, per i soli anni 2020 e 2021, ammontano a oltre 18.000 euro.

Le Fiamme gialle hanno provveduto alla segnalazione dell’attività abusiva al Comune di Ficarazzi per le violazioni della normativa che prevedono l’irrogazione di una sanzione che va da un minimo di 250 a un massimo di 5.000 euro.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684