"Ristoranti, fatturati dimezzati. Riaprire per cena dopo le feste" - QdS

“Ristoranti, fatturati dimezzati. Riaprire per cena dopo le feste”

web-dr

“Ristoranti, fatturati dimezzati. Riaprire per cena dopo le feste”

web-dr |
martedì 29 Dicembre 2020 - 16:36

Filiera Italia: "La sola cena per un ristorante può arrivare a valere fino al 70% delle entrate. Fare tutti i controlli necessari per verificare il rigido rispetto degli standard previsti dal Cts e far chiudere i furbetti"

“Con il ripristino della zona gialla
si consenta l’apertura per cena nei ristoranti, a meno che non si voglia
condannarli definitivamente a morte insieme a tutto il settore agroalimentare”.

A lanciare l’appello è il
consigliere delegato di Filiera Italia, Luigi Scordamaglia,
commentando l’incertezza sul tema della riapertura quando scadrà il Dpcm. I
sacrifici non possono più continuare, fa sapere la Fondazione, dopo che i
ristoratori hanno dimostrato senso di responsabilità e impegno, adeguandosi a
tutte le norme di sicurezza imposte anche durante le festività natalizie che da
sempre rappresentano una parte rilevante del loro fatturato.

La sola cena per un ristorante,
infatti, può arrivare a valere fino al 70% delle entrate. Scordamaglia chiede
di “fare tutti i controlli necessari per verificare il rigido rispetto
degli standard previsti dal Cts per i ristoranti e chiudere qualche furbo non a
norma, ma attenzione a emettere condanne che non farebbero altro che rendere
impossibile il prosieguo dell’attività per tutti e non c’è ristoro che
tenga”.

Filiera Italia, infine, ricorda che
il 2020 chiude per l’horeca con fatturati dimezzati (-48%) per una
perdita di 41 miliardi; senza contare gli effetti sul settore agroalimentare,
con perdite di 30 miliardi di euro.

“Il governo ha dimostrato di comprendere a
pieno la centralità socio-economica della filiera agroalimentare – conclude
Scordamaglia – ma ormai l’unica soluzione per rilanciarla è riaprire il canale
della ristorazione anche a cena nel rispetto delle regole previste”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684