Frode fiscale, maxi sequestro a ditta di trasporti di Carini - QdS

Frode fiscale, maxi sequestro a ditta di trasporti di Carini

web-pv

Frode fiscale, maxi sequestro a ditta di trasporti di Carini

web-pv |
giovedì 10 Febbraio 2022 - 08:24

La società, negli anni 2015 e 2016, avrebbe utilizzato fatture false per oltre 5 milioni di euro: cinque gli indagati

Disponibilità finanziarie per un valore complessivo di oltre 1 milione di euro, corrispondente al profitto dei reati tributari contestati, sono state sequestrate dai finanzieri del Comando provinciale di Palermo a una società operante nel settore dei trasporti con sede a Carini. Il provvedimento di sequestro preventivo è stato emesso dal gip del Tribunale del capoluogo, su richiesta della Procura.

False fatture

Secondo quanto emerso dalle indagini, la società, negli anni 2015 e 2016, avrebbe utilizzato fatture false per oltre 5 milioni di euro. Al vaglio, in particolare, i rapporti con una cooperativa alla quale erano stati esternalizzati, in regime di monocommittenza, i servizi di ritiro, trasporto e consegna pacchi per conto terzi. L’azienda avrebbe stipulato contratti di appalto simulati per giustificare le prestazioni dei lavoratori che di fatto erano veri e propri dipendenti della società di trasporti. L’unico rischio d’impresa assunto dalla cooperativa, sottolineano gli investigatori, “è stato quello inerente al governo “formale” del rapporto di lavoro dipendente (le buste paga) poiché, di fatto, la gestione “effettiva” del personale, della logistica e dei mezzi tecnici era tutta demandata all’impresa di trasporti”.

Indagati gli amministratori

Il meccanismo permetteva di abbattere illecitamente il reddito imponibile della società di trasporti, attraverso la contabilizzazione da parte di quest’ultima di costi fittizi e l’indebita detrazione dell’Iva, concentrando sulla cooperativa tutti gli obblighi contributivi, previdenziali e assistenziali. I due amministratori pro-tempore sono stati segnalati per il reato di dichiarazione fraudolenta mediante utilizzo di fatture per operazioni inesistenti. Il provvedimento cautelare ha posto sotto sequestro disponibilità finanziarie fino alla concorrenza delle imposte evase (Ires e Iva) pari ad euro 1.035.954.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684