Gela, scontro su assistenza disabili, ultimatum per Greco - QdS

Gela, scontro su assistenza disabili, ultimatum per Greco

Liliana Blanco

Gela, scontro su assistenza disabili, ultimatum per Greco

venerdì 10 Aprile 2020 - 00:00

Le associazioni gelesi hanno chiesto per l’ennesima volta l’attivazione dei servizi dedicati. La Giunta ha promesso interventi mirati, ma si sconta anche l’immobilismo del passato

GELA (CL) – Mesi di attesa, guerra sulla stampa, manifestazioni pubbliche, proteste. Ma nonostante tutto i servizi per i disabili non sono stati ancora assegnati dal Comune e la Consulta, le associazioni e le centinaia di famiglie interessate sono ormai stanche di dover fare i conti con promesse mai mantenute.

Della questione sono state interessate anche Prefettura e Procura delle Repubblica, ma tutto è rimasto fermo.

Il problema più pressante è quello legato al servizio di trasporto gratuito per i diversamente abili, che la legge tutela ma che a Gela non è stato ancora garantito. L’anno scorso è stato approntato un regolamento comunale che prevede apposite fasce di reddito, ma i criteri non sono stati ritenuti accettabili e le associazioni continuano a fare sentire con forza la loro voce. “Non smetteremo di protestare – ha detto il presidente dell’Associazione H Paolo Capici – fino a quando i nostri sacrosanti diritti non saranno osservati”.

Nei giorni scorsi il primo cittadino Lucio Greco, alle prese anche lui come tutti i sindaci del Paese con l’emergenza Coronavirus, ha avuto parole di conforto per i soggetti con disabilità e le associazioni hanno colto la palla al balzo. “Auspichiamo – ha sottolineato Livio Aliotta, che rappresenta alcune famiglie con soggetti diversamente abili – che questo gesto costituisca il primo passo verso la consapevolezza del nostro problema e che a esso facciano seguito i fatti, ovvero il tempo per scegliere e infine per decidere. Ci aspettiamo che già nei prossimi giorni l’Amministrazione possa dar seguito a queste esternazioni decidendo e assicurando alle famiglie gelesi che vivono oggi anche il dramma della disabilità i necessari servizi di supporto”.

La Giunta Greco ha promesso interventi risolutivi. Si spera che possano arrivare nel più breve tempo possibile, perché i disabili della città non possono più attendere.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684