Giustizia, a Catania siglata intesa sulla “messa alla prova” - QdS

Giustizia, a Catania siglata intesa sulla “messa alla prova”

redazione

Giustizia, a Catania siglata intesa sulla “messa alla prova”

martedì 20 Ottobre 2020 - 00:00

Istituto che consente di sospendere il procedimento penale

CATANIA – Promuovere ed incentivare il ricorso all’istituto giuridico della sospensione del procedimento con messa alla prova da parte dei cittadini imputati di reati che prevedono una pena detentiva non superiore a quattro anni, e quindi di limitato allarme sociale, e offrire l’attività di consulenza e supporto sia agli utenti, possibili beneficiari, sia gli avvocati che per gli adempimenti legati al loro ufficio potranno rivolgersi direttamente ad uno sportello informativo che a breve sarà operativo nell’atrio del palazzo di giustizia.

È quanto prevede il protocollo d’Intesa sull’istituto della Messa alla prova siglato dal Tribunale ordinario, dalla Procura della Repubblica, dal Consiglio degli ordini, dalla Camera penale e dall’ufficio distrettuale di esecuzione penale esterna di Catania.
L’istituto giuridico consente a imputati o indagati di chiedere di sospendere il procedimento penale fin dalle sue fasi iniziali consentendo l’estinzione del reato all’esito positivo della misura.

L’imputato viene affidata all’Ufficio di esecuzione penale esterna di Catania per lo svolgimento di un programma di trattamento individualizzato che prevede come attività obbligatoria l’esecuzione del lavoro di pubblica utilità, una prestazione gratuita in favore della collettività, in enti pubblici o privati indicati dalla norma.

Il percorso di rieducazione e risocializzazione che si realizza prevede anche l’attuazione di condotte riparative per eliminare le conseguenze dannose o pericolose derivanti dal reato.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684