Il rigassificatore in Sicilia bloccato da 17 anni. Da noi si dorme, l’Emilia-Romagna… corre - QdS

Il rigassificatore in Sicilia bloccato da 17 anni. Da noi si dorme, l’Emilia-Romagna… corre

redazione

Il rigassificatore in Sicilia bloccato da 17 anni. Da noi si dorme, l’Emilia-Romagna… corre

Gabriele D'Amico  |
venerdì 13 Maggio 2022 - 06:30

Il progetto dell’Enel per l’impianto di Porto Empedocle porterebbe nell’Isola un investimento da un miliardo. La Soprintendenza di Agrigento, dopo aver dato l’ok nel 2006, sembra aver cambiato idea

Diciassette anni di “storia”. Diciassette anni di pareri, autorizzazioni, ricorsi e contro ricorsi. Diciassette anni in cui nemmeno una pietra è stata posata. Stiamo parlando del progetto di Enel per la costruzione di un rigassificatore a Porto Empedocle. Infrastruttura tornata d’attualità, dopo essere caduta per anni nel dimenticatoio, a causa della necessità di importare gas che non sia russo e che quindi non può arrivare in Italia tramite i gasdotti ma in forma liquida con le navi.

“Attrezzare la Sicilia a ricevere navi gasiere e dare flessibilità di fornitura di gas” grazie alla “ripresa di un investimento che era purtroppo stato messo in naftalina sette anni fa da parte dei governi precedenti per la rigassificazione a Porto Empedocle”.

Circa un mese fa, il numero uno di Enel Francesco Starace aveva aperto alla possibilità di ridare vita al progetto dell’impianto che riuscirebbe a trattare oltre otto miliardi di metri cubi di gas l’anno. Ma queste dichiarazioni – unite a quelle rilasciate dalla viceministra Todde al Corriere della Sera lo scorso 3 maggio: “la linea del Governo è quella di avere più capacità di rigassificazione… CONTINUA LA LETTURA. QUESTO CONTENUTO È RISERVATO AGLI ABBONATI

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI
ABBONATI PER CONTINUARE LA LETTURA

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684