In classe mantenere un buon clima - QdS

In classe mantenere un buon clima

Lucia Russo

In classe mantenere un buon clima

mercoledì 02 Febbraio 2022 - 08:38

I nostri alunni hanno bisogno di riscoprire il loro ruolo di membri di una comunità scolastica

Secondo l’ultimo Report del ministero dell’Istruzione relativo alla settimana 17-22 gennaio l’84,5 per cento delle classi si è trovata a svolgere le lezioni in presenza, e tra queste il 15,3 per cento in didattica digitale integrata, ossia con alunni e alunne in parte a scuola e in parte a casa a distanza. Mai come ora, essendo trascorsi quasi due anni dal primo lockdown in Italia a seguito della pandemia da Covid 19, i nostri alunni hanno bisogno di riscoprire il loro ruolo di membri di una comunità scolastica. E noi adulti abbiamo il dovere di aiutarli.

Molti insegnanti, soprattutto alle superiori, nelle settimane trascorse si sono trovati solo con quattro alunni in classe e il resto collegati a distanza, a dover chiamare due appelli diversi e a fare rispettare le norme per il rientro a scuola. Norme che in questa settimana vanno incontro a variazioni.

Come fare a mantenere un buon clima in classe? Come fare a tenere viva l’attenzione dei nostri discenti e soprattutto la motivazione all’apprendimento? Innanzitutto occorre guardarli negli occhi, interrogarli sulle loro sensazioni, fargli capire che il loro benessere è quello che ci interessa al di sopra di tutto e che però non va confuso con l’alleggerimento del loro impegno scolastico. Rendere chiari gli obiettivi da raggiungere organizzando materiali didattici e lezioni funzionali alla flessibilità degli spazi di lavoro, incrementare la lettura e la scrittura in tutti i livelli di scuola, dalle elementari alle superiori.

E ancora utilizzare le tecnologie digitali, perché non è vero che noi insegnanti non eravamo preparati! Tra i tanti esempi, basti prendere le “Linee guida per l’integrazione scolastica degli alunni con disabilità” che dal 2009 invitano tutti i docenti, non solo quelli di sostegno, a “essere attenti ai bisogni di ciascuno, a favorire la strutturazione del senso di appartenenza, a costruire relazioni socio-affettive positive” e a “incrementare l’apprendimento per scoperta e l’utilizzazione di mezzi informatici”.

Twitter: @LRussoQdS

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684