Inail sempre più connesso con i cittadini, anche in Sicilia lo sportello digitale - QdS

Inail sempre più connesso con i cittadini, anche in Sicilia lo sportello digitale

Patrizia Penna

Inail sempre più connesso con i cittadini, anche in Sicilia lo sportello digitale

martedì 19 Luglio 2022 - 06:01

Il direttore regionale Biasco al QdS: “Piattaforma per accedere comodamente a diversi servizi”. Sarà possibile gestire prenotazioni, consulenze, erogazioni di indennità e richieste Durc

PALERMO – Lo sportello digitale dell’Inail è realtà. È stato attivato, infatti, nelle prime tre regioni previste dalla roadmap del progetto, Lombardia, Lazio e Sicilia: si tratta di uno strumento realizzato nell’ambito delle attività promosse dal Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri guidato dal Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale attraverso gli interventi finanziati dal Pnrr.

Destinato a lavoratori, aziende e intermediari, il nuovo servizio consente la prenotazione e la gestione di un appuntamento, in sede o da remoto, attraverso la piattaforma Microsoft Teams, e si inserisce nel processo di innovazione tecnologica e culturale iniziato nel 2019 con l’adozione del modello lavorativo ibrido.

Quali vantaggi avrà l’utenza da questo sportello? Lo abbiamo chiesto al direttore Inail Sicilia, Carlo Biasco.

“Per evitare inutili attese agli sportelli, tenuto conto anche della persistente necessità di evitare contatti e assembramenti, gli utenti potranno prenotare un appuntamento con un consulente direttamente dal portale Inail, scegliendo il giorno, l’orario, la tipologia di servizio e anche la modalità, in presenza, presso la sede, o da remoto. Scegliendo l’erogazione da remoto l’appuntamento avverrà tramite la piattaforma Microsoft Teams. Si potranno così effettuare, comodamente da casa, richieste che vanno dall’erogazione dell’indennità per inabilità temporanea, all’indennizzo per danno biologico e per ottenere i benefici del fondo infortuni mortali. Ma non solo. Con questo servizio sarà anche possibile gestire il rapporto assicurativo, prenotando appuntamenti per consulenze relative a denunce di iscrizione, richieste di Durc, variazioni, sconti e rateazioni. Sarà possibile inoltre gestire anche i servizi forniti dall’Inail per la prevenzione, come i finanziamenti del bando I.S.I., dedicati alle aziende che investono in sicurezza”.

La Sicilia tra le prime tre regioni ad averlo attivato: un buon segnale di attenzione all’innovazione tecnologica?

“Siamo molto contenti di aver sperimentato tra i primi il servizio. La sede di Palermo Fante, infatti, è stata una struttura pilota del progetto che, adesso, si sta progressivamente estendendo a tutta la nazione. Il nostro personale ha partecipato al set up della piattaforma digitale per renderla il più possibile semplice ed immediata nel suo utilizzo ed è costantemente in contatto con gli uffici centrali per il miglioramento continuo dell’utilizzabilità e delle funzionalità del servizio. Con questa nuova modalità di ingaggio l’Istituto sta compiendo un importante passo in avanti per fornire all’utenza un vero servizio di prossimità digitale, senza perdere il valore imprescindibile del contatto sociale. Anche se attraverso uno schermo, poter dialogare con un funzionario Inail in carne ed ossa, di cui si conosce il nome e cognome, è molto importante per non perdere quel contatto che rassicura e che, a causa del covid-19, si è, in molti casi, ridotto”.

A proposito di digitalizzazione: altri progetti in cantiere in Sicilia?

“Il costante e sempre più pervasivo utilizzo di tecnologie di collaboration ha già ottenuto nel corso del tempo significativi risultati in Regione. Siamo stati già dal 2020 una struttura pilota per gestire la contabilità da remoto, anche durante il lockdown, con tutto beneficio dei fornitori di beni, servizi e soprattutto di dispositivi medici e protesici per gli assistiti. Allo stato attuale, anche utilizzando fondi previsti dal Pnrr, sono in via di progettazione strumenti che consentiranno al personale interno una maggiore efficacia nell’utilizzo della propria strumentazione tecnologica, a tutto beneficio della qualità dei rapporti con l’utenza. Non soltanto: sfruttando i benefici derivanti dall’attuazione dei progetti della sezione dedicata ai servizi digitali del Pnrr, sarà possibile implementare interazioni tra differenti basi dati, secondo il principio del cd. once only (ossia, non chiediamo al cittadino dati che sono già in possesso di un’altra P.A.), utilizzando inoltre i canali digitali per una complessiva riprogettazione, in chiave, per l’appunto, digitale, dei servizi offerti, in particolare lato aziende, con un sensibile, ulteriore aumento di efficacia e di capacità di risposta complessiva all’utenza”.

Proprio ieri lo sportello è stato attivato in tutte le regioni italiane.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684