“Invasione grano canadese, più tutele per la salute e per i prodotti locali” - QdS

“Invasione grano canadese, più tutele per la salute e per i prodotti locali”

redazione

“Invasione grano canadese, più tutele per la salute e per i prodotti locali”

venerdì 14 Agosto 2020 - 00:00

La deputata Marano (M5s): “Regione prenda posizione e si renda concreta la legge sulla tecnologia blockchain per garantire sicurezza e tracciaiblità"

PALERMO – La deputata regionale del Movimento Cinque Stelle Josè Marano è intervenuta a seguito delle denunce dei produttori di grano isolani che hanno evidenziato il costante arrivo nei nostri porti di prodotto canadese destinato alla produzione di pasta di noti marchi.

“Le istituzioni debbono tutelare in primis la salute dei consumatori e in secondo luogo le produzioni locali. È inammissibile che la Sicilia diventi punto di approdo privilegiato per navi con grano canadese, un Paese dove è ammesso l’utilizzo del pericoloso glifosato, che sarà destinato alla produzione di pasta per noti marchi nazionali. Ciò costituisce un pericolo per la salute ma anche un affronto per i produttori siciliani che tra mille difficoltà continuano a realizzare grani d’eccellenza con metodologie salubri e con sapienza antica”.

Mi aspetto una presa di posizione da parte della Regione Siciliana – ha proseguito la deputata regionale – perché, inoltre, l’arrivo in massa di grano canadese ha avuto come conseguenza quella di fare crollare il costo al mercato del grano siciliano causando ulteriori danni economici alle aziende agricole siciliane. Da promotrice della proposta di legge sulla tracciabilità dell’agroalimentare, tramite la tecnologia blockchain, vedo che c’è ancora tanta strada da fare per rendere concreta quella norma che garantirebbe la sicurezza ed il controllo e la tracciabilità dei prodotti alimentari, accrescendo così la fiducia dei consumatori finali nell’operato delle istituzioni e delle aziende attraverso l’utilizzo di uno strumento semplice, ma incredibilmente potente, per tutelare il Made in Italy e in questo caso il Made in Sicily”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684