Stop agevolazioni Liberty Lines, l'appello di Floridia (M5s) - QdS

Stop agevolazioni Liberty Lines, l’appello di Floridia (M5s)

web-iz

Stop agevolazioni Liberty Lines, l’appello di Floridia (M5s)

web-iz |
venerdì 08 Gennaio 2021 - 00:04

I lavoratori pendolari dovranno pagare ogni giorno 17,20 euro. Floridia: "Liberty Lines ripristini le agevolazioni tariffarie”

“Sono preoccupata dalle recenti notizie che riguardano la società di navigazione Liberty Lines che, con l’inizio del nuovo anno, ha ritirato la Liberty Card che consentiva di applicare tariffe molto agevolate per i pendolari che devono necessariamente prendere i loro mezzi per recarsi a lavoro. 

Questa società, fra le varie tratte, collega i porti di Milazzo e Messina con le Isole Eolie. Giornalmente centinaia di persone devono spostarsi da e per le isole minori: basti pensare, ad esempio, ai docenti e agli operatori sanitari”, spiega la senatrice messinese Barbara Floridia (M5S). 

“Adesso è stata formulata una nuova offerta commerciale, denominata Liberty Express, che però non è paragonabile a quella della Liberty Card. Quest’ultima prevedeva 10 euro (5 euro a tratta), mentre adesso l’aumento prevede un esborso di 17,20 euro al giorno

Mi auguro che la Liberty Lines ripristini le agevolazioni tariffarie valide fino al 31 dicembre scorso e che l’Assessore ai Trasporti della Regione Marco Falcone, si attivi al più presto.

È una questione molto delicata – specifica Floridia – la cui competenza è esclusivamente della Regione Sicilia, ma è una tematica che ci riguarda tutti. Nel 2016, il MoVimento 5 Stelle, ha sollevato la problematica anche in ambito nazionale con una interrogazione al Ministero dei Trasporti proprio sulla Liberty Lines, al fine di tutelare i lavoratori che operano nelle isole minori”.

“Ritengo, quindi, doveroso che tutte le categorie di lavoratori in servizio nell’arcipelago eoliano vengano tutelate dalle Istituzioni. Parliamo di professionisti che quotidianamente offrono servizi essenziali alla cittadinanza delle Eolie e che sono alla base dei loro diritti fondamentali”, conclude la senatrice pentastellata. 

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684