Donnarumma, "A San Siro non vorrei fischi, sono contento a Parigi" - QdS

Donnarumma, “A San Siro non vorrei fischi, sono contento a Parigi”

Web-al

Donnarumma, “A San Siro non vorrei fischi, sono contento a Parigi”

Web-al |
lunedì 04 Ottobre 2021 - 18:31

Il portiere azzurro tornerà al Meazza di Milano mercoledì sera per affrontare con l'Italia la Spagna nella semifinale di Nations League: "Sono emozionato"

Sono passati meno di cinque mesi, per la precisione 143 giorni, troppo pochi per rimarginare una ferita. Gianluigi Donnarumma calpesterà di nuovo l’erba di San Siro, mercoledì tornerà di nuovo a difendere quei pali che sono stati casa fin dal suo debutto a 16 anni. Non avrà indosso la maglia del Milan, ma la divisa dell’Italia e, giocando a Milano, nella semifinale di Nations League contro la Spagna, è probabile che l’accoglienza non sarà quella di un tempo, quando era idolo dei tifosi della metà rossonera della città. Sui social, a due giorni dalla partita, si annuncia già una pioggia di fischi per il campione europeo ed eroe del successo azzurro.

RITORNO A MILANO

“Sono emozionato di tornare. Milano e il Milan sono state una parte importante della mia vita. Spero non ci siano fischi, non sarebbe bellissimo. Queste cose mi dispiacciono perché io al Milan ho dato sempre tutto fino all’ultimo. Sono contento del percorso che sta facendo il Milan, sarò sempre un tifoso”, le parole di Donnarumma in conferenza.

A fine agosto gli ultras rossoneri hanno appeso striscioni con insulti e minacce fuori da Milanello in occasione del raduno della squadra. Gesti da condannare ma che sono la prova che il ‘tradimento’ di Donnarumma non è mai stato accettato, nonostante le prestazioni di Maignan siano all’altezza del suo predecessore. La speranza è che lo straordinario percorso azzurro abbia la meglio sulle storie di club. Ed è l’auspicio dello stesso portiere che ha scelto di lasciare Milano per unirsi al Psg.

L’esperienza parigina fatica a decollare, solo tre presenze in campionato su nove partite, l’ultima coincisa con la sconfitta di domenica contro il Rennes. In Champions il clean sheet contro il City. E’ probabile che Gigio si aspettasse più chance, che sperasse nella fiducia incondizionata e nella maglia da titolare. Invece spesso viene ripreso seduto in panchina, per la gioia amara dei tifosi del Milan.

“Non c’è nessun problema. Sono a Parigi per giocare – spiega ostentando tranquillità in conferenza stampa – è normale ci siano queste cose all’inizio. Ma sono sicuro che andrà tutto alla grande. Non penso ci saranno problemi con la Nazionale. A Parigi sono contento, vado avanti per la mia strada e sono sicuro si risolverà tutto”. Donnarumma si professa sereno, felice e convinto della scelta fatta.

IL CLIMA SPOGLIATOIO AL PSG

Nega anche ci siano problemi di equilibri all’interno di una squadra con tanti campioni: “A Parigi lo spogliatoio è compatto, si sta molto bene. Viviamo tranquillamente, ci alleniamo col sorriso e la voglia di aiutarci l’un l’altro. Com’è allenarsi con Mbappé, Messi e Neymar, una sfida. Si cresce sia mentalmente che a livello calcistico”.

SULLA SPAGNA

Difficoltà iniziali o meno, il campione d’Europa dovrà liberare la mente e concentrarsi sull’Italia. Crescere significa anche imparare a gestire la pressione di alcune difficili situazioni. Di fronte c’è la Spagna, l’avversario che gli Azzurri hanno forse temuto maggiormente nella scalata all’Europeo. “Ci aspettiamo la stessa Spagna degli Europei, lo stesso tipo di partita. Stiamo preparando la gara nel migliore dei modi. Questa estate è stata difficile, è servito il 110 % di noi stesso”, spiega Donnarumma mentre si districa tra le domande sul Psg e quelle sul Milan. Mercoledì si torna a San Siro e per quanto possa essere dura, l’obiettivo è chiaro: ritornarci già domenica per la finale del primo posto.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684