Legge sul tartufo in Sicilia, filiera bloccata senza regolamento attuativo - QdS

Legge sul tartufo in Sicilia, filiera bloccata senza regolamento attuativo

web-dr

Legge sul tartufo in Sicilia, filiera bloccata senza regolamento attuativo

web-dr |
giovedì 18 Novembre 2021 - 16:25

"Questo ritardo sta creando alcuni disaggi e deludendo molte aspettative" - dice l'avvocato Nino Iacono, presidente del Centro di ricerca per la valorizzazione del tartufo in Sicilia

E’ trascorso un anno da quando l’Ars ha approvato all’unanimità la legge “in materia di raccolta, coltivazione, commercio e tutela del consumo dei tartufi nella Regione siciliana”: da allora nulla è cambiato però. Manca ancora il regolamento attuativo, nonostante l’assessore all’Agricoltura abbia da mesi una bozza sul tavolo, per cui il sistema rimane al palo.

“Questo ritardo sta creando alcuni disaggi e deludendo molte aspettative – dice l’avvocato Nino Iacono, presidente del Centro di ricerca per la valorizzazione del tartufo in Sicilia – Rimaniamo impotenti difronte alle richieste di centinaia di appassionati che ci chiedono di volersi mettere in regola ma non lo possono fare.

In molti stanno pensando di andare a prendere il patentino per la raccolta in altre regioni con la grave perdita di credibilità e di entrate che la Sicilia rischierebbe di subire, per non parlare dell’impossibilità di programmare e assistere lo sviluppo di una filiera che ha già iniziato a muovere i primi significativi passi”.

Iacono evidenzia che “sono già nati allevamenti di cani che esportano anche fuori dalla Sicilia, cavatori che vendono il tartufo, aziende che iniziano a trasformare il prodotto sino a un programma per escursioni che ha visto incrementare il turismo nei piccoli borghi”.
“Pertanto, insieme a tante associazioni, ancora una volta, chiediamo alla politica di attivarsi immediatamente – conclude il presidente del Centro di ricerca – affinché la costruzione della filiera del tartufo in Sicilia non rimanga solo un sogno ma una realtà in grado di aumentare il Pil regionale”. (ANSA).

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684