Liberazione: la Giunta di Palermo contro Salvini - QdS

Liberazione: la Giunta di Palermo contro Salvini

redazione

Liberazione: la Giunta di Palermo contro Salvini

giovedì 25 Aprile 2019 - 00:00
Liberazione: la Giunta di Palermo contro Salvini

PALERMO – Un rischio di “scenari inquietanti per il futuro del nostro Paese. Un futuro che non vorremmo si richiamasse a fatti e pratiche del passato di cui, con la Festa della Liberazione, celebriamo la sconfitta”. Con queste parole, la Giunta comunale ha approvato ieri, nell’aderire alle manifestazioni per la Liberazione dal nazifascismo, un documento nel quale attacca duramente “le recenti direttive emesse da un ministro e condivise da altri esponenti del Governo nazionale” che “tentano di ridurre l’autonomia costituzionale delle Forze Armate e i Comuni”. Per la Giunta di Palermo “è costituzionalmente doverosa la non applicazione di questi atti.”

La Giunta attacca quello che definisce “un accurato, pianificato ricorso alla ‘distrazione di massa’, a un continuo alimentare paure e sentimenti di insicurezza, anche lì dove paure ed insicurezza non hanno ragione di esistere, distogliendo da temi importanti della vita civile italiana ed internazionale, quali la corruzione nella pubblica amministrazione e nella politica, la riscontrata presenza di interessi e metodi mafiosi nelle istituzioni anche ai più alti livelli, l’attacco costante a quei diritti umani e civili che sono pietre miliari della nostra comunità, il taglio di risorse per le politiche e i servizi sociali, sanitari e culturali, l’aggravarsi della crisi ambientale globale”.

Per l’Amministrazione guidata da Leoluca Orlando, “dietro lo spauracchio di continue minacce alla sicurezza pubblica e privata, si rischia di costruire e si potrebbe realizzare un sistema di progressiva e sempre più violenta limitazione dei diritti individuali e collettivi trasformando il doveroso prendersi cura di chi è più fragile in irrazionale paura di chi è diverso e più debole; di fatto stravolgendo principi costituzionalmente garantiti di libertà, uguaglianza, solidarietà”.

Presto un evento internazionale
sui diritti in Italia e in Europa
PALERMO – Nel presentare il documento con cui vengono stigmatizzate le posizione assunte dai vertici del Governo nazionale, il sindaco Leoluca Orlando ha affermato che dopo la tornata elettorale europea sarà organizzato a Palermo “un evento internazionale, un momento di riflessione e impegno sul futuro dei diritti in Italia e in Europa. Un momento di confronto e costruzione di rapporti con realtà nazionali ed internazionali che condividono le nostre preoccupazioni ed il nostro impegno”.
Il documento approvato ieri dalla Giunta sarà inviato al Presidente della Repubblica, ai presidenti delle Camere, al presidente del Consiglio e ai presidenti del Parlamento e della Commissione europea, oltre che all’Associazione nazionale dei Comuni italiani, ai Comuni italiani e all’Anpi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684