Licata: parola d’ordine sicurezza, le istituzioni scendono in campo - QdS

Licata: parola d’ordine sicurezza, le istituzioni scendono in campo

Irene Milisenda

Licata: parola d’ordine sicurezza, le istituzioni scendono in campo

venerdì 18 Marzo 2022 - 08:58

Istituzioni e associazioni in campo per il miglioramento delle condizioni di vivibilità sul territorio urbano. Tante le idee da mettere in campo

LICATA (AG) – Incendi, ma non solo. Sono stati diversi gli episodi e le inchieste che negli ultimi mesi hanno messo al centro le dinamiche criminali che interessano l’area licatese. E anche per questo tra il prefetto di Agrigento, Maria Rita Cocciufa, e il sindaco di Licata, Giuseppe Galanti, è stato sottoscritto un protocollo d’intesa Licata sicura, volto appunto al miglioramento della sicurezza pubblica e di quella urbana.

Dopo i primi incontri di carattere analitico e organizzativo, adesso entra nel vivo l’attività della Cabina di regia, costituita da rappresentanti delle Forze di Polizia, dal comandante della Polizia locale, da referenti della Curia arcivescovile e dell’Ufficio scolastico provinciale e coordinata dal dirigente dell’Area Ordine e Sicurezza pubblica della Prefettura.

“Abbiamo incontrato i rappresentanti di molte associazioni – ha spiegato Rosanna Mallemi, dirigente Ordine e Sicurezza pubblica e Tutela della legalità territoriale della Prefettura di Agrigento – della società civile e degli istituti scolastici, per avviare questo Patto per la sicurezza. È stata pienamente condivisa la proposta di fare emergere le istanze dal basso, sollecitando innanzitutto i giovani, attraverso la Consulta giovanile, gli organismi intermedi e gli studenti, attraverso le scuole, per proporre i temi da trattare in un primo incontro pubblico con la cittadinanza”.

Tante le idee da mettere in campo e tanti gli obiettivi da raggiungere. C’è bisogno di sinergia tra le parti ed è per questo che si è pensato al primo incontro in forma di agorà, un modello che vuole, anche simbolicamente, recuperare il senso della cultura storica dei luoghi che sono stati teatro di grande e perduta civiltà.

Il sindaco Galanti: “Coinvolgere le scuole”

“È un passaggio importante – ha dichiarato il sindaco Pino Galanti – in quanto il coinvolgimento delle scuole è necessario. Conosciamo il nostro territorio e sappiamo bene che c’è tanto lavoro da fare. È per questo che abbiamo rappresentato alla Prefettura di Agrigento uno sguardo più attento e diverso rispetto ad altri territori. Credo che se lavoriamo tutti insieme, riusciremo a fare qualcosa di buono”.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684