L’industria manifatturiera - QdS

L’industria manifatturiera

Marco Vitale

L’industria manifatturiera

mercoledì 04 Agosto 2021 - 00:00

Non abbiamo solo fragilità ma anche punti di forza.
Di questi parlerò brevemente.
Un’industria manifatturiera di medie dimensioni di grande capacità e produttività. Esistono stime serie che dimostrano che la produttività di questa industria media manifatturiera non è, in molti settori, inferiore a quella tedesca.

Si tratta di una constatazione fondamentale, perché per la crescita economica la produttività se non è tutto è quasi tutto. E ciò è confortato dai risultati dell’export italiano che anche nel 2020 sono stati relativamente buoni e dai primi dati del 2021 che già segnano una forte ripresa dei distretti manifatturieri.
Ai settori tradizionali si sono aggiunti altri settori relativamente nuovi, come l’Agroalimentare, che sta diventando una forza del nostro Paese e che anche nel 2020 ha segnato risultati eccellenti nell’export.

Nella primavera scorsa io mi ribellai ad una visione fortemente negativa dell’economia italiana, che sembrava allora dominante, come testimoniava un articolo di grande vistosità sul Sole 24 ore, nel quale si parlava di un rischio di “desertificazione industriale”.

Io scrissi che era da irresponsabili diffondere paure di questo tipo, che potevano essere credute solo da persone che non hanno la minima conoscenza di cosa sia l’industria manifatturiera italiana.
Oggi si incomincia a capire che, con l’eccezione di pochi settori più di altri duramente colpiti sui mercati internazionali, l’industria manifatturiera italiana non ha mai mollato e anche nel periodo di blocco totale delle attività ha lavorato strenuamente per tenere testa, con coraggio e creatività, alla crisi.

I dati a consuntivo del 2020 confortano ora questa visione. Oggi, l’industria manifatturiera è, in molti casi, migliore di quello che era all’inizio della crisi, grazie al lavoro di riorganizzazione e innovazione che le buone imprese hanno saputo svolgere.
Il problema è che questa Italia innovativa e produttiva non rappresenta più del 20% del PIL.

E’ sul resto, sull’80%, che bisogna agire e qui ritorna il peso delle piaghe bibliche che vanno finalmente affrontate portando la produttività in quei segmenti di questo 80% che ignorano alla radice il concetto stesso di produttività.
Dovevamo e potevamo farlo da lungo tempo.
Non perdiamo l’occasione che il Coronavirus ci ha spiattellato davanti a noi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684