Mafia, chiesto ergastolo per Messina Denaro per stragi - QdS

Mafia, chiesto ergastolo per Messina Denaro per stragi

redazione web

Mafia, chiesto ergastolo per Messina Denaro per stragi

venerdì 17 Luglio 2020 - 15:19
Mafia, chiesto ergastolo per Messina Denaro per stragi

Secondo il pm di Caltanissetta Gabriele Paci la "primula rossa" è tra i mandanti degli attentati di Capaci e via D'Amelio in cui morirono Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Per il magistrato il superlatitante è il reggente di Cosa nostra



Il pm Gabriele Paci ha chiesto l’ergastolo per Matteo Messina Denaro, accusato di essere uno dei mandanti degli attentati di Capaci e Via D’Amelio.

Il processo si celebra davanti alla Corte d’Assise di Caltanissetta.

Il superlatitante trapanese, a capo del mandamento di Castelvetrano, è considerato uno dei boss più potenti di Cosa Nostra nonostante sia irreperibile da 27 anni.

La richiesta è stata avanzata a conclusione della requisitoria, durata otto udienze.

Matteo Messina Denaro è difeso dagli avvocati Salvatore Baglio e Giovanni Pace.

Messina Denaro è il reggente di Cosa Nostra

Per il pm Paci, che lo ha affermato nel corso della requisitoria del processo, “Matteo Messina Denaro è il reggente di Cosa Nostra trapanese quanto meno dal 1991”.

“Il padre Francesco – ha detto – non era presente, così come non era presente Mariano Agate. Matteo Messina Denaro è un mafioso che ha rinunciato a qualsiasi spazio di autonomia per fare carriera in Cosa Nostra e Totò Riina lo nominò reggente della provincia di Trapani”.

“Quando nel 1991 – ha ricostruito il magistrato – cominciò la guerra di mafia Paolo Borsellino operava nel trapanese, nel territorio gestito da Matteo Messina Denaro”.

“Abbiamo ripercorso quegli anni maledetti – ha continuato il Pm Paci – Totò Riina, per iniziare la stagione stragista dovette veramente convincere i rappresentati provinciali della bontà del suo progetto, riuscire a costruire il consenso. Non è sostenibile che Totò Riina avrebbe comunque intrapreso a prescindere quella strada senza avere il consenso di Cosa Nostra, perché se ci fosse stato il dissenso di una delle province ci sarebbe stata una guerra”.

“La storia di quegli anni – ha concluso il magistrato – non sarebbe stata la stessa. Messina Denaro non può aver prestato consenso con riserva. Fu lui più di tutti l’uomo che aiutò Riina a stroncare sul nascere le voci del dissenso interno”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684