Mafia, ucciso a Vittoria ex collaboratore di giustizia - QdS

Mafia, ucciso a Vittoria ex collaboratore di giustizia

redazione web

Mafia, ucciso a Vittoria ex collaboratore di giustizia

martedì 30 Giugno 2020 - 07:33
Mafia, ucciso a Vittoria ex collaboratore di giustizia

Orazio Sciortino, affiliato al clan Carbonaro Dominante, aveva contribuito a far luce sulla strage di San Basilio del 1999, nella quale furono assassinate cinque persone. Per gli inquirenti si tratta di un regolamento di conti tra rapinatori

Un ex collaboratore di giustizia, Orazio Sciortino, 51 anni, è stato ucciso con colpi d’arma da fuoco nelle campagne di Vittoria, nel Ragusano.

Il cadavere dell’uomo è stato trovato per terra, in un terreno di sua proprietà, sulla strada provinciale tra Vittoria e Santa Croce Camerina.

Le indagini sono condotte dalla squadra mobile di Ragusa e dal commissariato di Vittoria.

Sciortino, affiliato al clan mafioso Carbonaro Dominante, con le sue dichiarazioni aveva contribuito a fare luce sulla strage di San Basilio di Vittoria del 2 gennaio 1999 che causò cinque vittime.

Sciortino fuori dal programma di protezione

Sciortino era da tempo fuori dal programma di protezione.

Dopo l’ispezione cadaverica da parte del medico legale è emerso che Sciortino è stato ucciso con alcuni colpi di fucile al collo e al torace. L’autopsia, che verrà eseguita nei prossimi giorni, chiarirà meglio i contorni di questo delitto che secondo gli inquirenti non avrebbe una matrice mafiosa.

La pista che al momento gli investigatori del commissariato di Vittoria e della Squadra Mobile di Ragusa, coordinati dal pm Gaetano Scollo, sembrano privilegiare è quella di un regolamento di conti tra la manovalanza locale per la spartizione del bottino di furti o rapine.

Sciortino era infatti stato arrestato dai Carabinieri quattro mesi fa per diversi furti commessi nelle campagne del ragusano insieme ad altri due vittoriesi: Giovanni Iudice, 54 anni, ed Emanuele Garofalo, di 39.

La strage di San Basilio a Vittoria

Sciortino più volte era stato protagonista di vicende di cronaca. A parte la sua collaborazione con la giustizia che contribuì a dare indicazioni utili agli investigatori sulla strage di San Basilio compiuta da esponenti della Stidda nel bar Esso di Vittoria – con cinque morti, tra i quali due vittime innocenti che si trovavano lì per caso – l’uomo era stato coinvolto nel mese di marzo dello scorso anno in una lite sanguinosa.

Ferito alla testa in una rissa

Sciortino era stato ferito alla testa da un colpo di bottiglia nel corso di una rissa in casa del fratello, Emanuele, scatenata da Hedi Belgacem, 32 anni, che sosteneva di vantare un credito con i due. Per l’aggressione Belgacem è stato di recente condannato a sei anni e mezzo di carcere.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684