Malati non Covid, attività ospedaliere giù del 40% in sei mesi - QdS

Malati non Covid, attività ospedaliere giù del 40% in sei mesi

redazione

Malati non Covid, attività ospedaliere giù del 40% in sei mesi

giovedì 03 Dicembre 2020 - 15:07

Nel primo semestre del 2020 le attività ospedaliere per i malati non Covid sono calate di circa il 40%, il numero di ricette per prestazioni specialistiche erogate è crollato del 58%, e si è più che dimezzata l’attività di screening per i tumori rispetto allo stesso periodo del 2019.

C’è dunque “un’emergenza nell’emergenza, dei pazienti non Covid ‘esodati’ dal Ssn”, come ha segnalato Tonino Aceti, alla presentazione di Salutequità, neonata associazione di cui è presidente. “Il 2021 sarà un anno importante per uscire dalla pandemia – sottolinea – ma bisognerà lavorare per il rientro dei pazienti non Covid nel circuito del Ssn”. In base ai dati diffusi, nei primi mesi del 2020 c’è stata una caduta di ricoveri (-40%), ricette per prestazioni di specialistica ambulatoriale (-58%) e screening oncologici (-50/55%), oltre che una drastica contrazione della spesa per farmaci innovativi non oncologici, e oncologici in alcune Regioni. Nel complesso si stima che per i mancati screening non siano state diagnosticate circa 4.300 neoplasie e 4.000 adenomi. La sanità digitale e il Fascicolo Sanitario Elettronico avrebbero potuto facilitare le cure a distanza, ma anche su questo a luglio 2020 il Ssn era piuttosto indietro: attivato con il consenso del cittadino per l’85% della popolazione in Emilia-Romagna, il 77% in Friuli-Venezia Giulia e il 60% in Lombardia, è del tutto assente in Calabria, Abruzzo e Bolzano.

“Tutto questo a fronte di cospicui finanziamenti alla sanità che, dopo anni di tagli, sono cresciuti nel 2019, 2020 e 2021 – continua Aceti – Ma finanziare il Ssn non è sufficiente per migliorare l’assistenza, senza contare che le risorse stanziate non vengono sempre utilizzate”.

Per cercare di far fronte a questi problemi, Salutequità propone un Piano Nazionale di Rientro nel Ssn dei pazienti non Covid, da considerare nel 2021 come uno specifico “adempimento Lea”. Poi potenziare l’assistenza territoriale, definendo gli standard da garantire in tutto il Paese, rafforzare nel 2021 i fondi per i farmaci innovativi e accelerare il processo di digitalizzazione.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684