Marsala, problemi per Energetikambiente - QdS

Marsala, problemi per Energetikambiente

Pietro Vultaggio

Marsala, problemi per Energetikambiente

venerdì 25 Settembre 2020 - 00:00
Marsala, problemi per Energetikambiente

Gli operatori lamentano ritardi nel pagamento degli stipendi e nella distribuzione di Dpi. La raccolta dei rifiuti in città e i servizi di igiene urbana potrebbero essere a rischio

MARSALA (TP) – Dipendenti Energetikambiente in stato di agitazione: la raccolta dei rifiuti, da parte dell’azienda specializzata nei servizi di igiene urbana a Marsala, potrebbe essere a rischio.

Gli operatori denunciano continui ritardi nel pagamento degli stipendi e assenza dei dispositivi personali di contenimento del Covid-19. La denuncia dell’ennesimo ritardo degli stipendi, questa volta di una settimana, arriva dalla Funzione pubblica Cgil di Trapani, che ha tenuto un’assemblea con i lavoratori con contratto sia a tempo determinato che indeterminato (in totale sono circa 150).

“Nonostante gli impegni assunti in prefettura – dice il segretario provinciale della Fp Cgil Enzo Milazzo – la società continua a erogare gli stipendi in ritardo, mettendo in seria difficoltà i dipendenti. Se la situazione dovesse rimanere tale saremo costretti a proclamare lo stato di agitazione e chiederemo al Prefetto di utilizzare il percorso della sostituzione, ovvero il pagamento diretto degli stipendi da parte del Comune che è l’ente appaltante”.

Un altro problema, parallelo all’erogazione delle somme di denaro, sembra farsi strada, ovvero la mancanza di misure di contenimento da Coronavirus. La situazione – dice il segretario Milazzo – è drammatica perché l’azienda non fornisce mascherine a norma, guanti e quanto previsto dalla normativa. Agli operatori vengono fornite – continua il segretario provinciale – saltuariamente mascherine non a norma e inoltre raccogliamo dai dipendenti la segnalazione che i mezzi sono sporchi e non sanificati”.
Lamentele che arrivano da tutta la provincia, lo scorso luglio anche a Trapani un dipendente ha scritto e divulgato una nota stampa in cui lamentava la riduzione degli stipendi per gli operatori assunti dal mese di gennaio 2019.

“Come da regolamento di legge nazionale – si legge nelle dichiarazioni del dipendente -, qualsiasi operatore, addetto alla nettezza urbana, deve essere assunto con il contratto Fise art. 6 Ccnl. Invece succede che i lavoratori assunti, da quel periodo, vengano impiegati con contratto ‘multiservizi’, ciò comporta che gli stipendi sono la metà, gli straordinari non vengono pagati ed inoltre si è alla guida di mezzi pesanti senza la giusta qualifica. Questa situazione – conclude il dipendente – viene completamente ignorata dagli organi comunali di competenza. Tramite i sindacati c’è stato un incontro con i dirigenti della medesima ditta, il risultato è stato che la ditta si è rifiutata di volere cambiare i contratti”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684