Maturità, liceo Palermo, in presenza si mitiga l'ansia - QdS

Maturità, liceo Palermo, in presenza si mitiga l’ansia

redazione web

Maturità, liceo Palermo, in presenza si mitiga l’ansia

mercoledì 16 Giugno 2021 - 09:37

Il racconto dei "maturandi della pandemia" nelle parole degli studenti del Classico Vittorio Emanuele. Grande è stato il sollievo per aver evitato gli esami in Dad. I portoni aperti dalle otto

Ingressi scaglionati e nessuna calca, nessun assembramento davanti ai cancelli del liceo classico Vittorio Emanuele II di Palermo, nei pressi della cattedrale.

“Meglio, molto meglio in presenza – ha detto Giuliana Gelsomino – Quest’anno la Dad ha funzionato, anche se la presenza a scuola è un’altra cosa. Abbiamo vissuto due anni molto difficili e la pandemia ha condizionato il nostro percorso di studio, ma gli insegnanti ci sono stati vicini e ci hanno dato la forza e la preparazione per presentarci oggi. La prova è del tutto nuova e complessa”.

I portoni della scuola già alle 8 erano aperti.

Riccardo Raspanti sarà il primo a essere interrogato.

“Oggi – ha raccontato – finisco questo mio percorso di studio. Quest’anno per noi la Dad è andata meglio, tutti eravamo più pronti e ci siamo potuti preparare per questa nuova prova. Tutto in una mattinata”.

“Importante per noi – ha aggiunto – è stata l’esperienza scuola-lavoro. Abbiamo collaborato con la casa editrice Flaccovio per un progetto, poi abbiamo preso parte, come guide, all’iniziativa ‘Le vie dei tesori’ e questo progetto lo abbiamo raccontato ai turisti. Una esperienza bellissima. Oggi finisco e stasera… Forza azzurri”.

Alcune studentesse alle prese con pile di fogli, sedute davanti la scuola, sono impegnate nell’ultimo ripasso e hanno risposto distrattamente alle domande, mentre Mattia Gaetano Tumminia ha tracciato un bilancio della scuola in pandemia.

“Ci è finita bene – ha detto -, temevamo di fare l’esame in Dad, invece oggi ci avviciniamo alla normalità. Certo, è ben diverso questo esame da quello che mi avevano raccontato i miei amici più grandi e i miei genitori. Ma noi siamo gli studentii della pandemia e non lo dimenticheremo presto”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684