Medicina: in Italia undici casi di epatite da integratori con curcuma - QdS

Medicina: in Italia undici casi di epatite da integratori con curcuma

redazione

Medicina: in Italia undici casi di epatite da integratori con curcuma

venerdì 24 Maggio 2019 - 14:40
Medicina: in Italia undici casi di epatite da integratori con curcuma

La lista di tutti i prodotti sotto controllo. Il Ministero della Salute invita i consumatiri "a sospendere temporaneamente il consumo di tali prodotti a titolo precauzionale"

Sono saliti a undici i casi di epatite colestatica acuta, non infettiva e non contagiosa, riconducibili al consumo di integratori a base di curcuma segnalati dall’Istituto superiore di sanità.

A darne notizia è stato il Ministero della Salute.

Sono in corso verifiche sul territorio da parte delle autorità sanitarie, per far luce su questa vicenda.

L’undicesimo caso è stato associato al consumo di: Curcuma liposomiale più pepe nero (lotto 1810224, scadenza 10/21, prodotto da Laboratories nutrimea con sede e stabilimento di produzione rue des Petits Champs 20, FR 75002, Parigi).

Il caso si aggiunge a quelli segnalati in precedenza per altri prodotti (Curcuma 95% Maximum – lotto 18L264, scadenza 10/2021, prodotto da Ekappa laboratori srl per conto di Naturando S.r.l.; Curcuma complex – B.A.I. aromatici per conto di Vitamin shop; Tumercur – Sanandrea; Movart – Scharper SpA, stabilimento a Nichelino; Curcuma Meriva 95% 520mg Piperina 5 mg – Farmacia dr. Ragazzi, Malcontenta; Curcuma “Buoni di natura”- Terra e Sole).

E a quelli associati ai prodotti segnalati il 10 e il 16 maggio scorsi (Curcumina Plus 95% – lotto 18L823 – NI.VA prodotto da Frama; Curcumina 95% Kline – lotto 18M861 – NI.VA prodotto da Frama; Curcumina Plus 95% piperina linea@ – lotto 2077-LOT 19B914 – NI.VA prodotto da Frama; Curcumina Plus 95% piperina linea@ – 18c590 – NI.VA prodotto da Frama).

“I consumatori – si legge sul sito del Ministero della Salute – sono invitati a titolo precauzionale a sospendere temporaneamente il consumo di tali prodotti”.

“Sono in corso – prosegue il Ministero – le verifiche per individuare la causa responsabile dei casi di epatite”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684