Migranti, Cartabia all'Onu, adesso serve uno sforzo corale - QdS

Migranti, Cartabia all’Onu, adesso serve uno sforzo corale

redazione web

Migranti, Cartabia all’Onu, adesso serve uno sforzo corale

martedì 18 Maggio 2021 - 06:15

La Ministro, oltre venticinquemila vite salvate solo nel 2020 dall'Italia in un Mediterraneo a rischio naufragi. Alarm Phone, imbarcazione in difficoltà in acque maltesi. Sea Eye 4 verso l'Italia

Oltre venticinquemila vite salvate nel Mediterraneo dall’Italia nel solo 2020.

Un numero che già da solo dà la dimensione di un Paese “in prima linea” sul fronte dei flussi migratori.

E’ un fenomeno sempre più ampio e di nuovo in forte crescita, come pure testimoniano i nuovi dati di Frontex, e che proprio per questo e per il carico di tragedie che si porta dietro, non può ricadere sulle spalle di uno o di pochi Stati.

Serve uno sforzo corale internazionale

“La dimensione dei flussi migratori richiede uno sforzo corale. La comunità internazionale deve intensificare i propri sforzi”: stavolta è stata la ministro della Giustizia Marta Cartabia a chiedere a nome del Governo che l’Italia non sia lasciata sola.

Lo ha fatto nel corso della trentesima sessione della Commissione Onu per la prevenzione della criminalità, che si svolge a Vienna e che è dedicata alla lotta al traffico dei migranti, gestito, per usare le parole della Ministro, da “organizzazioni criminali spietate che sfruttano l’aspirazione naturale dei migranti a una vita migliore”, e che sono dietro alle tragedie che hanno trasformato il Mediterraneo in un cimitero: più di cinquecento morti dall’inizio dell’anno.

Nuova segnalazione da Alarm Phone

E Alarm Phone, che ieri aveva segnalato dozzine di dispersi finiti in mare al largo della Libia, citando le testimonianze di pescatori locali che hanno soccorso 62 persone, stamattina ha denunciato: “Ci sono 88 vite a rischio in acque Sar maltesi”.

Alarm Phone è stato allertato da un’imbarcazione di legno “esposta a forte vento e onde; acqua sta entrando nello scafo. Le persone sono in pericolo. Serve soccorso immediato”.

Sea Eye 4 verso acque italiane

E, sempre stamattina, si è appreso che la Sea Eye 4 si sta dirigendo verso acque italiane con a bordo oltre quattrocento migranti soccorsi nei giorni scorsi al largo della Libia, dopo che la richiesta di porto sicuro è stata respinta da Malta.

“Chiediamo alla Guardia costiera italiana di assumere urgentemente il coordinamento “, fa sapere Gorden Isler, presidente della ong tedesca.

Nuove navi quarantena

Intanto, l’Italia cerca altre quattro grandi navi (tali da ospitare da trecento a quattrocentoa persone) da destinare tra il primo giugno e il trenta luglio alla quarantena di chi sbarca, “in considerazione del perdurare dell’emergenza sanitaria in atto e del probabile incremento del numero dei migranti in arrivo nel periodo estivo”.

Il bando scade giovedì prossimo.

“C’è molto da fare, a partire dalla prevenzione”, ha detto Cartabia spiegando che proprio per queste ragioni l’Italia supporta le campagne di sensibilizzazione e i programmi di Unodc (l’agenzia dell’Onu per il controllo della droga e del crimine, con il cui direttore esecutivo Ghada Fathi Waly ha avuto un bilaterale) e punta a estendere le collaborazioni con i paesi subsahariani. E sempre nell’ottica di rafforzare la cooperazione internazionale, l’Italia ha presentato a Vienna con gli Usa una risoluzione che intende anche spingere gli Stati che ancora non ce l’hanno a introdurre il reato di traffico di esseri umani.

Il traffico di esseri umani

Traffico che ha ripreso quota, come confermano i dati di Frontex. Tra gennaio e aprile 2021 i migranti arrivati sulla rotta del Mediterraneo centrale sono più che raddoppiati (+157%) rispetto allo stesso periodo del 2020, toccando quota 11.600. Si tratta dell’aumento più consistente rispetto a tutte le altre rotte. Gli sbarchi di aprile, 1.550, sono il doppio rispetto allo stesso mese del 2020 e hanno visto in prima fila tunisini e ivoriani. Anche in Spagna si registrano arrivi record: in un solo giorno oltre mille persone sono arrivate nell’enclave di Ceuta.

Un flusso che non si arresta in questi giorni: oltre 683 persone trovate in mare sono state riportate ieri a Tripoli dalla Guardia costiera libica. Nella settimana tra il 9 ed il 15 maggio sono 1.074 Mentre oggi altri 73 migranti a bordo di un’imbarcazione segnalata questa mattina da Alarm Phone in acque di responsabilità sar italiana sono state condotte a Lampedusa da mezzi di Guardia Costiera e Guardia di Finanza. La Sea Eye 4 ha poi a bordo oltre 400 migranti soccorsi in sei interventi.

I ricollocamenti

Intanto, proseguono i negoziati in sede europea per il ricollocamento dei migranti dall’Italia: per ora l’Irlanda è il primo Paese ad essersi impegnato ad accoglierne dieci, ma Bruxelles incoraggia anche gli altri Stati “a mostrare solidarietà e a partecipare agli sforzi” per i trasferimenti.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684