Migranti: Corte Ue; Mediterranea, salvare vite non è un crimine - QdS

Migranti: Corte Ue; Mediterranea, salvare vite non è un crimine

redazione

Migranti: Corte Ue; Mediterranea, salvare vite non è un crimine

martedì 14 Maggio 2019 - 21:29
Migranti: Corte Ue; Mediterranea, salvare vite non è un crimine

"La Cedu ha ribadito con forza il principio del diritto internazionale che tutela la vita e la dignità delle persone e la cui violazione dev'essere condannata anche quando avvenga in modo indiretto"

“Salvare vite umane non è un crimine, rimpatriarle senza tutelare la loro dignità e la loro sicurezza, sì”.

Così Mediterranea Saving Human commenta la sentenza della Corte di giustizia europea sui rifugiati sottolineando che, “in un mondo capovolto in cui i governi sono troppo impegnati a combattere le navi che salvano le vite invece che accertare le responsabilità dei crimini contro l’umanità” è necessario continuare a denunciare ogni violazione del diritto.

“La Corte ribadisce con forza un principio cardine del diritto internazionale: il ‘non refoulement’ che tutela la vita e la dignità delle persone e la cui violazione deve essere condannata anche quando avvenga in modo indiretto, con la consegna a stati o enti terzi di persone che subiranno tortura o morte”.

“E allora – dice Mediterranea – in base proprio a questa sentenza e ai principi su cui si fonda, chiediamo ancora una volta: e coloro che sono respinti in Libia, con azioni coordinate da aerei europei che guidano le motovedette libiche nelle catture in mare?”.

Cosa dovrebbe dunque accadere “quando un’autorità italiana chiede a una nave italiana di consegnare al diretto controllo della cosiddetta Guardia Costiera Libica, donne, uomini e bambini profughi di guerra di quel paese, per essere ricondotti lager dove si praticano tortura e omicidi?”

E dunque, conclude la ong, “come valuterebbe la Corte di Giustizia europea se l’accusa di questo grave crimine fosse già sostenuta da copiosa documentazione e testimonianze dirette?”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684