Migranti, il cardinale Parolin, il Mediterraneo non dev'essere un cimitero - QdS

Migranti, il cardinale Parolin, il Mediterraneo non dev’essere un cimitero

redazione web

Migranti, il cardinale Parolin, il Mediterraneo non dev’essere un cimitero

domenica 02 Febbraio 2020 - 07:56


“Il tema di oggi è il Mediterraneo, sinonimo di incontro e talvolta anche di scontro tra popoli e culture dei tre Continenti che si affacciano su essi. Stasera lo vogliamo guardare anche nella prospettiva dell’incontro di Bari”, promosso dalla Cei dal 19 al 23 febbraio, “non è possibile parlare di Mediterrraneo senza ascoltare le voci cattoliche, musulmane ed ebraiche”.

Lo ha detto ieri il segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, ha introdotto questa sera il suo intervento nella sede della Civiltà cattolica alla presentazione di un numero speciale della rivista che propone una fratellanza che porti alla cittadinanza.

Alla presenza del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, Parolin ha ricordato il primo viaggio di papa Francesco, a Lampedusa, nel luglio 2013: “Se la prospettiva è quella di Caino, il Mediterraneo non può che trasformarsi in un grande cimitero”.

“Il riconoscimento della fratellanza – ha proseguito – porta a riflettere sul tema della cittadinanza, sotto il cui diritto tutti godono della giustizia”. Parolin ha ricordato anche l’incontro del Papa con l’imam di Al Azhar Al Tayyeb da cui è nato il Documento sulla Fratellanza umana, “un testo per salvaguardare la pace”.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684