Migranti, Lampedusa, un altro viaggio-strage - QdS

Migranti, Lampedusa, un altro viaggio-strage

redazione

Migranti, Lampedusa, un altro viaggio-strage

lunedì 05 Agosto 2019 - 18:55

Tra gli annegati caduti dalla barca con 48 persone a bordo partita dalla Libia, un bimbo di cinque mesi e un ragazzo di trent'anni. Mediterranean Hope, "Sbarcare i 121 della Open Arms"

C’è da pensare che se il barcone di migranti giunto oggi a Lampedusa fosse stato soccorso in mare da una nave delle tanto criminalizzate Ong le numerose morti segnalate da testimoni sull’imbarcazione non ci sarebbero state.

Quando è giunto sull’Isola dell’Agrigentino il barcone aveva a bordo 48 persone ed era uno dei tanti sbarchi fantasma che il Viminale continua a non segnalare cercando di nascondere l’evidenza che, Ong o meno, così come dichiarato anche dal sindaco Lampedusano Totò Martello, sulle coste italiane sono sbarcate dall’inizio dell’anno diverse migliaia di persone e settecento soltanto a giugno.

Il che dimostra che quella del governo e in particolare del capo della Lega Nord e ministro dell’Interno Matteo Salvini contro le Ong – considerati i numeri dei salvataggi, osteggiati in ogni modo per fingere una “battaglia” contro la cattiva Europa – è soltanto propaganda sulla pella di esseri umani.

Ma stavolta c’è di più e di peggio: Mediterranean Hope, il programma per rifugiati e migranti della Federazione delle Chiese evangeliche, ha ascoltato le testimonianze di queste povere persone che hanno viaggiato per due giorni nel Mediterraneo dopo essere scappati dalla Libia, senza incontrare – o forse con il timore di essere soccorsi visto come stanno andando le cose – nessuna nave di Organizzazioni non governative.

Tra i 48 migranti c’erano 27 donne, tre delle quali incinte, e sei minori.

Molte delle persone sopravvissute erano gravemente disidratate mentre altre avevano seri problemi respiratori per aver inalato i fumi di scarico del motore.

I medici hanno somministrato ai più gravi flebo e ossigeno.

Alcuni dei migranti hanno raccontato in lacrime che, durante il viaggio un numero imprecisato di persone, allo stremo delle forze perché aggrappate alla meno peggio al barcone,è caduto in mare, annegando.

Tra loro, hanno riferito i testimoni a Mediterranean Hope, c’erano anche un ragazzo di trent’anni e un neonato di appena cinque mesi.

Ci sarebbe da chiedersi a chi vadano attribuite, a livello morale, se non ancora a livello penale, queste morti.

“Ci stringiamo ai sopravvissuti e chiediamo immediatamente lo sbarco delle 121 persone ancora a bordo di Open Arms” hanno scritto su Twitter i rappresentanti di Mediterranean Hope.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684