Migranti, ricorso al Tar per il fermo della nave Sea Watch 4 - QdS

Migranti, ricorso al Tar per il fermo della nave Sea Watch 4

redazione web

Migranti, ricorso al Tar per il fermo della nave Sea Watch 4

lunedì 26 Ottobre 2020 - 00:03

Medici senza frontiere, tenerla agli ormeggi blocca i salvataggi di vite umane. "Nel Mediterraneo, da quando la nave viene tenuta bloccata nel porto di Palermo, è tornata la strage, parliamo complessivamente di almeno ottanta morti"

“Ostacoli amministrativi impediscono ancora a Sea-Watch 4 di tornare a salvare vite, mentre nel Mediterraneo centrale si continua a morire”.

Lo dice Medici senza frontiere in una nota, mentre l’organizzazione partner Sea-Watch, proprietaria della nave, ha presentato un ricorso al Tribunale amministrativo regionale per contestare il fermo amministrativo della nave utilizzata per le operazioni di soccorso ai migranti.

“Mentre Sea-Watch 4 è bloccata al porto di Palermo – afferma Marco Bertotto, responsabile affari umanitari di Msf -, la situazione nel Mediterraneo centrale resta disastrosa: solo questa settimana sono morte venti persone, tra cui due bambini e una donna incinta, mentre altre cinque risultano disperse a seguito dell’ennesimo incidente”.

“E nell’ultimo mese e mezzo – aggiunge l’esponente di Msf – dei nostri team sono tornati per ben quattro volte a svolgere interventi di primo soccorso psicologico ai sopravvissuti delle tragedie nel Mediterraneo”.

“Almeno ottanta persone – ha concluso – sono morte nel Mediterraneo centrale da quando la nave è stata bloccata e altre centinaia sono state respinte forzatamente in Libia, dove potranno subire torture e abusi”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684