Morte Vialli, il cordoglio del mondo dello sport. La Samp: "Uno di noi, non ti dimenticheremo" - QdS

Morte Vialli, il cordoglio del mondo dello sport. La Samp: “Uno di noi, non ti dimenticheremo”

dariopasta

Morte Vialli, il cordoglio del mondo dello sport. La Samp: “Uno di noi, non ti dimenticheremo”

Redazione  |
venerdì 06 Gennaio 2023 - 11:24

Numerosi i messaggi di cordoglio che arrivano dalle squadre nelle quali ha militato e dal mondo della politica

Il mondo del calcio e dello sport in generale piange la morte di Gianluca Vialli, l’ex attaccante di Sampdoria e Juventus, morto oggi all’età di 58 anni. Numerosi i messaggi di cordoglio che arrivano dalle squadre nelle quali ha militato e dal mondo della politica.

Il messaggio della Sampdoria: “Uno di noi”

La Sampdoria, club con il quale vialli ha vinto uno scudetto lo ricorda cosi’: “C’è già chi ti immagina tra Paolo e Vuja, felici di riabbracciarti – si legge nella nota del club blucerchiato – ma altrettanto stupiti di rivederti così presto. Sì, presto Luca. Troppo presto. Dicono che non si sia mai pronti per salutare un compagno di viaggio e, purtroppo, è davvero così. Il tuo compagno di viaggio -come avevi deciso di chiamarlo- ti ha fatto scendere dal treno a 58 anni, strappando infame il tuo biglietto per nuovi orizzonti e traguardi. Un biglietto per la vita che, in fondo, valeva un po’ per tutti i tifosi blucerchiati”

L’amore per i colori blucerchiati: “Il nostro condottiero”

“Di strada insieme ne abbiamo fatta parecchia, crescendo e cercando, vincendo e sognando. Sei arrivato ragazzino, ti salutiamo uomo. Ti ricorderemo ragazzo e centravanti implacabile, perché gli eroi son tutti giovani e belli e tu, da quell’estate 1984, sei stato il nostro eroe. Forte e bellissimo, con quel 9 stampato sulla schiena e il tricolore cucito sul cuore. Condottiero della Sampdoria più forte, in coppia là davanti con il tuo gemello Bobby Gol. In tre parole: uno di noi. Una percezione rimasta tale dopo aver salutato in lacrime Genova e la Sud. Proprio così: pur alzando trofei in giro per l’Europa con colori, tute e abiti differenti, Gianluca Vialli era sampdoriano e i sampdoriani erano con Gianluca Vialli. Con te, nella vittoria e nella sconfitta, nella salute e nella malattia. A Berna come a Göteborg, a Marassi il 19 maggio 1991 come a Wembley un anno e un giorno più tardi. O come ancora a Wembley ma nel luglio 2021: c’eravamo tutti in quell’abbraccio al Mancio, in quel pianto a dirotto che non dimenticheremo mai”, prosegue la Samp. “Non dimenticheremo i tuoi 141 goals le tue rovesciate, le tue maglie in cashmire, il tuo orecchino, i tuoi capelli biondo platino, il tuo bomber degli Ultras. Ci hai dato tanto, ti abbiamo dato tanto: sì, è stato amore, reciproco, infinito. Un amore che non morirà, oggi, con te. Continueremo ad amarti e adorarti perché – lo sai bene del resto – tu sei meglio di Pelé. E perché, nonostante tutto, la nostra bella stagione è destinata a non finire mai. Continuerà a brillare in quel cielo cerchiato di blu su cui tu, Luca, hai firmato per sempre. ‘Per chi?’. ‘Per noi!’. Alla moglie Cathryn, alle figlie Olivia e Sofia e a tutta la famiglia Vialli le più sentite condoglianze da parte della società”.

La Juve lo saluta con la foto della Champions vinta

Un semplice “Ciao Gianluca” e la foto di Vialli che alza la coppa vinta in Champions League. Così la Juventus manda via Twitter l’ultimo saluto al campione scomparso a 58 anni. “Resterai un esempio indelebile della nostra essenza, Luca”. Così la Cremonese su Twitter ricorda l’ex attaccante.

L’omaggio della Premier League “Profondamente rattristati”

La Premier League è profondamente rattristata di apprendere della morte di Gianluca Vialli all’età di 58 anni. I nostri pensieri e le nostre condoglianze vanno alla famiglia e agli amici di Gianluca”. Così il massimo campionato inglese, via Twitter, omaggia il campione scomparso oggi. “Una leggenda italiana, ci mancherai Gianluca“. Queste le parole su Twitter della Fifa per ricordare Gianluca Vialli, con due foto, una da calciatore e l’altra da dirigente della Nazionale. “Oggi il calcio europeo piange la scomparsa di Gianluca Vialli, scomparso all’età di 58 anni. Riposa in pace, Gianluca”. Questo il messaggio della Uefa sulla morte di Vialli. Il massimo organismo del calcio continentale pubblica sul proprio sito un ricordo dell’ex giocatore, tecnico e dirigente, ripercorrendone la carriera, le tappe principali e le vittorie.

Il Genoa: “Avversario leale, campione da ammirare”

“Ciao Gianluca. Avversario leale, campione da ammirare in campo e nella vita”. Così il Genoa, via Twitter, saluta Vialli, avversario storico quando giocava nella Sampdoria. “Un grande uomo, un grande campione e combattente in campo e nella vita. Sei andato via presto, maledettamente presto ma resterai sempre nei nostri cuori con il tuo esempio e la tua classe indimenticabili. Ciao Gianluca”. Lo dichiara in un tweet l’Udinese Calcio, ricordando Vialli. “Il Palermo FC, con il presidente Dario Mirri e tutta la famiglia City Football Group, esprime il proprio grande cordoglio per la prematura scomparsa di Gianluca Vialli. Un campione che, prima da calciatore e poi da dirigente, ha sempre rappresentato l’Italia ed i valori sani del calcio in tutto il mondo“, si legge in una nota del club rosanero.

L’ex ct Arrigo Sacchi: “Abbiamo perso un grande personaggio”

“E’ un momento terribile, Gianluca era una grande persona, un grande giocatore, era simpatico, intelligente. Ha lottato fino alla fine, come era nel suo stile”. Questo il ricordo dell’ex ct azzurro Arrigo Sacchi all’Adnkronos di Gianluca Vialli, scomparso a 58 anni. “Abbiamo perso un grande personaggio. Un grande abbraccio alla famiglia, c’è grande dolore”, ha aggiunto molto addolorato Sacchi. “E’ stato un avversario difficile sul campo e con molto coraggio, come si è visto in malattia”. Lo dice all’Adnkronos Fabio Capello. “Un giocatore vero, di qualità e quantità e soprattutto un uomo vero: ha affrontato tutto con grande dignità. Lui e Mihajlovic hanno dato un grande esempio”.

Alessandro Del Piero: “Nostro Capitanom, Mio Capitano”

“Era pieno di vita, io lo ricordo come giocatore, era esemplare e con noi alla Juventus ha alzato la Coppa dei Campioni del ’96, un ricordo indelebile”. Questo il ricordo dell’ex dg della Juventus, Luciano Moggi all’Adnkronos. “Vialli era un uomo vero, ha lottato con coraggio contro questa malattia che purtroppo non lascia scampo, comunque la vita continua, e il ricordo di questo ragazzo per me resterà indelebile perché l’ho avuto come giocatore e so cosa valeva sportivamente oltre che umanamente”, ha aggiunto l’ex dg bianconero. “Nostro Capitano. Mio Capitano. Sempre. Ciao Luca“. Queste le parole di Alessandro Del Piero, compagno di squadra di Gianluca Vialli ai tempi della Juventus, sui Instagram con una foto abbracciati con la maglia bianconera.

La premier Meloni: “Re Leone in campo e nella vita”

“Non dimenticheremo i tuoi i gol, le tue leggendarie rovesciate, la gioia e l’emozione che hai regalato all’intera Nazione in quell’abbraccio con Mancini dopo la vittoria dell’Europeo. Ma non dimenticheremo soprattutto l’uomo. A Dio Gianluca Vialli, Re Leone in campo e nella vita”. Così, su Facebook, la premier Giorgia Meloni ricorda il campione azzurro. “Sorrisi, gioie e tanti gol, questo era e resta per tutti noi Gianluca Vialli. Un numero 9 indimenticabile. Ciao campione”. Così il Presidente del Senato, Ignazio La Russa.Una notizia terribile che sconvolge il mondo del calcio italiano e internazionale. Un altro grande nostro campione che se ne va. Un esempio per tutti, un grande uomo e un grande giocatore. Mi unisco al cordoglio della famiglia e dei suoi cari tutti. Ci mancherai Gianluca, a Dio”, ha scritto su Facebook il Ministro dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida. “Un grande campione nello sport e nella vita. Addio Gianluca e grazie”. Il ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, lo ricorda così in un tweet. “Un immenso dolore. Se ne va un grande calciatore, un grande uomo che ha combattuto fino all’ultimo contro quel compagno di viaggio indesiderato che lo ha portato via a tutti gli italiani che negli anni ha fatto sognare. Un campione dentro e fuori dal campo.Non potremo mai dimenticarti. Buon viaggio Gianluca”. È quanto scrive su Facebook il ministro per la Protezione civile e le Politiche del mare, Nello Musumeci.

Il presidente del Coni: “Campione e un uomo tutto di un pezzo”

“Lo sport italiano e il calcio in particolare oggi hanno perso un campione ma soprattutto un uomo tutto di un pezzo. Non ci sono parole per descrivere la tristezza che in questo momento ha assalito tutti noi. Quel suo abbraccio a Wembley con Mancini agli Europei dello scorso anno resta un’immagine indelebile dei valori dello sport ispirati dall’olimpismo. Ma proprio per questo c’è un’altra immagine che vorrei ricordare. Quella del 26 febbraio 2006, quando Vialli, assieme ad altri illustri campioni, portò la bandiera olimpica nel corso della cerimonia di chiusura dei Giochi Invernali di Torino 2006, unico calciatore ad aver avuto questo onore. A nome dello sport italiano e mio personale sono vicino alla famiglia ricordando le infinite emozioni che ci ha regalato Vialli. Ciao Gianluca!”. Queste le parole del Presidente del Coni, Giovanni Malagò, dopo scomparsa di Gianluca Vialli.

Articoli correlati

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001