Napoli, "Gratta e vinci" rubato, l'anziana incasserà la vincita da 500 mila euro - QdS

Napoli, “Gratta e vinci” rubato, l’anziana incasserà la vincita da 500 mila euro

Web-mp

Napoli, “Gratta e vinci” rubato, l’anziana incasserà la vincita da 500 mila euro

Web-mp |
giovedì 23 Settembre 2021 - 07:45

Il tabaccaio aveva ingannato l'anziana vincitrice proprietaria del biglietto, depositato il grattino fortunato in una banca a Latina per poi tentare inutilmente di partire per le Canarie

L’Agenzia delle accise, dogane e monopoli ha recuperato, dopo il dissequestro da parte della procura di Napoli, il Gratta e vinci da 500mila euro che era stato rubato dal tabaccaio nelle settimane scorse a una napoletana di 69 anni.

L’anziana potrà ora finalmente incassare la vincita

In una nota si spiega che la Procura di Napoli ha ribadito che “le indagini non lasciano dubbi in ordine alla riconducibilità di quanto in sequestro alla persona offesa”, pertanto la donna che aveva acquistato il biglietto potrà incassare quanto le spetta.

“Sono particolarmente felice per la signora napoletana, acquirente del biglietto, che in questi giorni è entrata nel cuore di tutti noi”, ha detto il direttore di Adm, Marcello Minenna.

Gaetano Scutellaro, il tabaccaio, è accusato di furto pluriaggravato e di tentata estorsione

Gaetano Scutellaro, il tabaccaio che ha sottratto il biglietto vincente all’anziana, è accusato di furto pluriaggravato e di tentata estorsione ai danni della legittima proprietaria del Gratta e vinci, alla quale aveva chiesto la metà della vincita per avere indietro il tagliando.

L’uomo aveva depositato il biglietto in una banca a Latina per poi tentare inutilmente di partire per le Canarie prima di essere riconosciuto e fermato dalla polizia all’aeroporto di Fiumicino.

Dopo due giorni di carcere Scutellaro si è dichiarato pentito del suo gesto ed ha chiesto scusa a tutti, in particolare alla donna. “In quel momento non riusciva a ragionare”, ha spiegato il suo avvocato.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684