Djokovic, "No al vaccino, rinuncio ai tornei" - QdS

Djokovic, “No al vaccino, rinuncio ai tornei”

web-pv

Djokovic, “No al vaccino, rinuncio ai tornei”

web-pv |
martedì 15 Febbraio 2022 - 08:50

Il numero 1 del tennis mondiale torna a parlare dopo la sua espulsione dall'Australia e conferma che non si vaccinerà contro il Covid anche se questo dovesse impedirgli di giocare ancora

“Se sarei pronto a sacrificare la partecipazione a competizioni come Wimbledon e Open di Francia per la mia posizione sul vaccino? Sì, questo è il prezzo che sono disposto a pagare”. Lo ha detto il numero uno al mondo, il serbo Novak Djokovic in una intervista alla Bbc sulla sua posizione sui vaccini contro il covid. Il 20 volte vincitore di una prova del Grande Slam è stato espulso dall’Australia il mese scorso dopo che il governo ha annullato il suo visto per il suo status vaccinale. Djokovic aveva dichiarato di aver ottenuto un’esenzione medica per entrare nel Paese per giocare agli Australian Open poiché si era recentemente ripreso dal Covid-19. Tuttavia, il ministro dell’immigrazione del Paese, Alex Hawke, ha cancellato personalmente il visto del 34enne serbo, sulla base del fatto che la sua presenza avrebbe potuto incitare a “disordini civili” e incoraggiare sentimenti anti-vaccino. “Non sono mai stato contrario alle vaccinazioni”, ha detto Djoko, confermando di aver fatto i vaccini da bambino, “ma ho sempre sostenuto la libertà di scegliere cosa mettere nel proprio corpo”.

“Non sono no vax”

In un’intervista ad ampio raggio, la prima da quando è stato detenuto a Melbourne a gennaio, Djokovic ha affrontato la speculazione sulla tempistica del suo caso positivo di Covid a dicembre e ha discusso del proprio atteggiamento nei confronti del vaccino. Djokovic ha detto che sperava che i requisiti di vaccinazione in alcuni tornei cambiassero, aggiungendo che sperava di “poter giocare per molti più anni”. Ma ha anche confermato di essere disposto a rinunciare alla possibilità di diventare statisticamente il più grande tennista di tutti i tempi. “Perché i principi del processo decisionale sul mio corpo sono più importanti di qualsiasi titolo o altro. Sto cercando di essere in sintonia con il mio corpo il più possibile”.

Djokovic ha affermato anche di essere stato “sempre un grande studente di benessere, salute, nutrizione” e che la sua decisione è stata in parte influenzata dall’impatto positivo che fattori come il cambiamento della sua dieta e dei suoi schemi di sonno hanno avuto sulle sue capacità di atleta. Il serbo ha inoltre detto che stava “tenendo la sua mente aperta” sulla possibilità di essere vaccinato in futuro, “perché stiamo tutti cercando di trovare collettivamente la migliore soluzione possibile per porre fine al Covid”. “Non sono mai stato contrario alla vaccinazione. Capisco che a livello globale, tutti stanno cercando di fare un grande sforzo per gestire questo virus e vedere, si spera, una fine presto a questo virus”.

Il caso Australia

Sono state somministrate più di 10 miliardi di dosi di vaccini Covid e circa sei persone su 10 a livello globale ne hanno avuto almeno uno. Quindi c’è una ricchezza di informazioni ma Djokovic dice di non avere abbastanza informazioni sul “vaccino”. Inoltre il tennista serbo ha parlato delle speculazioni avvenute sulla sequenza degli eventi degli Australian Open di gennaio. “Capisco che ci siano molte critiche e capisco che le persone escono con teorie diverse su quanto sia stato fortunato o quanto sia conveniente”, ha riconosciuto.

“Ma nessuno è fortunato e conveniente a contrarre il Covid. Milioni di persone lo hanno preso e stanno ancora lottando con il Covid in tutto il mondo. Quindi lo prendo molto sul serio, non mi piace davvero che qualcuno pensi di aver abusato di qualcosa o a mio favore, al fine di ottenere un test PCR positivo e alla fine andare in Australia”. “Ero davvero triste e deluso dal modo in cui tutto è finito per me in Australia”, ha detto. “Non è stato facile”. La sua richiesta di esenzione medica è stata presentata in forma anonima ed è stata accettata da due panel australiani indipendenti. Tuttavia c’era una dichiarazione di viaggio separata, che includeva un errore.

Lo scontro con il ministro

“Assolutamente, l’errore di dichiarazione del visto non è stato commesso deliberatamente”, ha detto Djokovic. “È stato accettato e confermato dalla Corte federale e dallo stesso ministro del Ministero dell’Immigrazione in Australia. Quindi, in realtà, quello che probabilmente la gente non sa è che non sono stato espulso dall’Australia perché non sono stato vaccinato, o ho infranto qualsiasi regola o ho commesso un errore nella mia dichiarazione del visto. Tutto ciò è stato effettivamente approvato e convalidato dalla Corte Federale d’Australia e dal Ministro dell’Immigrazione. Il motivo per cui sono stato espulso dall’Australia è stato perché il ministro dell’Immigrazione ha usato la sua discrezione per annullare il mio visto in base alla sua percezione che avrei potuto creare un sentimento anti-vax nel paese o in città, cosa con cui non sono completamente d’accordo”, ha concluso Djokovic.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001