Omicidio Lucrezia Di Prima, sgozzata e gettata come immondizia, la ricostruzione - QdS

Omicidio Lucrezia Di Prima, sgozzata e gettata come immondizia, la ricostruzione

web-iz

Omicidio Lucrezia Di Prima, sgozzata e gettata come immondizia, la ricostruzione

web-iz |
domenica 17 Ottobre 2021 - 19:21

Il fratello 22enne è in stato di fermo. Si cerca ancora l'arma del delitto e il movente resta un mistero.

Lucrezia Di Prima uccisa dal fratello a San Giovanni La Punta, nel Catanese, sarebbe stata colpita alla gola con un’arma da taglio e trasportata in sacchetti di plastica neri della spazzatura fino al luogo in cui è stato ritrovato il cadavere.

Le indagini e il giallo del movente

Questo è quanto emergerebbe nelle ultime ore dai rilievi degli investigatori. La donna, di 37 anni, è rimasta dunque vittima della cieca crudeltà del fratello 22enne Giovanni Francesco. Lo stesso ha permesso ieri il ritrovamento del cadavere nelle campagne di Nicolosi, confessando poi il delitto commesso.

I carabinieri della Sezione investigazioni scientifiche (Sis) del Comando provinciale di Catania hanno effettuato diversi sopralluoghi nella villetta dove i due vivevano, in alloggi separati, con i genitori. A mancare all’appello l’arma del delitto e il movente dell’omicidio.

Da venerdì i genitori avevano denunciato la scomparsa della figlia, facendo scattare immediatamente le ricerche alle quali ha partecipato persino l’assassino.
Il ragazzo, diplomato all’istituto tecnico industriale e con esperienze all’estero, amava la palestra, ma da mesi si era chiuso in se stesso. Lei, invece, il suo esatto opposto: solare, estroversa, con una vita sociale ricca. Stava per convolare a nozze con il fidanzato storico.

Francesco è in stato di fermo per omicidio volontario aggravato e occultamento di cadavere.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684