L’ora di lezione e l’Agenda Onu 2030 - QdS

L’ora di lezione e l’Agenda Onu 2030

Lucia Russo

L’ora di lezione e l’Agenda Onu 2030

mercoledì 07 Ottobre 2020 - 00:00
L’ora di lezione e l’Agenda Onu 2030

Come organizzare una lezione a distanza in modalità sincrona?

Nella settimana in cui si celebra la “Giornata mondiale dell’insegnante” (istituita dall’Unesco il 5 ottobre 1994) mi soffermerò sull’ora di lezione, che nell’ultimo anno ha subito delle notevoli trasformazioni. Se già, grazie all’autonomia scolastica, la sua durata poteva essere ridotta a 50 minuti, adesso non può superare i 45 minuti se “a distanza”. Fino a sette mesi fa conoscevamo un solo tipo di didattica, quella “di presenza”, ora, invece, si è aggiunta quella “a distanza”, che può essere in modalità “sincrona” o “asincrona”, a seconda che l’insegnante e gli studenti siano collegati in tempo reale oppure no.

Sono lezioni a distanza in modalità sincrona le videolezioni in diretta o lo svolgimento di elaborati o di test da parte degli studenti mentre il professore è in collegamento con loro. Sono, invece, lezioni asincrone le attività di approfondimento individuale con l’ausilio di materiale digitale fornito dall’insegnante, oppure la visione di documentari o altro materiale video predisposto o indicato dall’insegnante, o, infine, la realizzazione di elaborati digitali nell’ambito di un progetto di lavoro assegnato dall’insegnante anche a gruppi di studenti. Da non confondere quest’ultimo con l’ordinaria attività di studio dei contenuti disciplinari, i c.d. compiti per casa.

Ma come organizzare una lezione a distanza in modalità sincrona? Come riuscire a mantenere alta l’attenzione degli alunni? Questa è la vera sfida che gli insegnanti devono affrontare tutti i giorni, nonostante i mezzi siano molto spesso insufficienti. Nell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, infatti, l’Obiettivo 4 contempla l’“Istruzione di qualità”, ovvero “un’educazione di qualità, equa ed inclusiva e opportunità di apprendimento per tutti (…) contribuendo a migliorare la vita delle persone e a raggiungere lo sviluppo sostenibile”.

Twitter: @LRussoQdS

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684