"Pacemaker inserito al contrario", bimbo morto a due anni - QdS

“Pacemaker inserito al contrario”, bimbo morto a due anni

redazione web

“Pacemaker inserito al contrario”, bimbo morto a due anni

lunedì 14 Settembre 2020 - 00:02
“Pacemaker inserito al contrario”, bimbo morto a  due anni

Il bambino, affetto da una grave patologia cardiaca, era stato operato nel 2016 a Taormina e a Roma. Domani l'incidente probatorio per otto medici indagati per la grave imperizia che avrebbe causato, lo scorso anno, la morte del bimbo

Era nato con una patologia cardiaca e nel 2016 fu sottoposto ad una operazione in Sicilia, a Taormina, presso il centro cardiologico pediatrico Mediterraneo dell’ospedale Bambino Gesù.

Un’operazione che secondo l’accusa ebbe il pregiudizio di una grave imperizia: i medici che operarono il piccolo gli impiantarono il pacemaker al contrario, rivolto verso il basso.

Un errore che provocò al bimbo una sorta di cappio all’arteria che, nella crescita, causò una insufficienza cardiocircolatoria.

Nel 2018 il bimbo arriva a Roma, sempre al Bambino Gesù, ma i cardiologi che lo visitano, secondo l’accusa, non capiscono la gravità della situazione e ritardano una serie di esami.

A settembre di due anni fa il cardiologo riscontra però qualche problema, ma fissa la tac solo due mesi dopo, secondo la ricostruzione dei pm. Si arriva al 31 dicembre, le condizioni del bambino sono molto gravi: viene trasportato su un aereo militare nella capitale e viene operato solo il giorno dopo.

I due medici che eseguono l’intervento, secondo la procura, lo fanno “in macroscopico ritardo” e anche commettendo errori.

Il 3 gennaio del 2019 il bimbo muore.

Insomma secondo l’accusa non uno ma una serie di errori sanitari provocarono l’aggravarsi delle condizioni del piccolo e poi la sua morte ad appena due anni: per la procura insomma i medici che lo hanno avuto in cura sono passibili di “negligenza, imprudenza e imperizia” e hanno concorso “a cagionare la morte del bimbo”.

Ora la un punto fermo potrà essere scritto domani a Roma, dove si svolgerà l’incidente probatorio.

“Rappresenta il primo step in una tragica vicenda. Ci auguriamo che venga accettata la verità e capire cosa sia realmente accaduto affinché non si ripetano fatti del genere”, dice l’avvocato della famiglia del piccolo, Domenico Naccari..

Per questa vicenda sono indagati otto medici dell’ospedale Bambino Gesù per l’accusa di omicidio colposo.

L’ospedale rigetta la ricostruzione della Procura, smentisce l’impianto al contrario del pacemaker e parla di complicanze rare ma comunque possibili.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684