Pagamenti digitali, Italia ferma al 26% resta sotto la media Ue del 45% - QdS

Pagamenti digitali, Italia ferma al 26% resta sotto la media Ue del 45%

redazione

Pagamenti digitali, Italia ferma al 26% resta sotto la media Ue del 45%

venerdì 12 Luglio 2019 - 00:00
Pagamenti digitali, Italia ferma al 26% resta sotto la media Ue del 45%

Indagine di Bain & Company: nel Belpaese a rilento le transazioni con moneta elettronica. Non è solo questione di infrastrutture tecnologiche ma anche di mentalità

ROMA – Pagamenti digitali in Italia ancora sotto la media Ue: è quanto emerge da un’indagine di Bain & Company, dalla quale emerge che nel Belpaese le transazioni con moneta elettronica non vanno oltre il 26% del totale, in Europa il dato è pari al 45%.

‘’La diffusione di pagamenti cashless nella nostra penisola va a rilento rispetto alla media europea, tuttavia le transazioni con carte di pagamento sono cresciuti dal 2015 con una media annua del 10%: un incremento reso possibile dalla crescita dell’infrastruttura tecnologica e dallo sviluppo dei canali e-commerce che stanno caratterizzando il mondo dei consumi”, spiega Francesco Luongo, presidente di Consumers For Digital Payments, C4DiP, coalizione di associazioni di consumatori.

Secondo gli esperti il fattore culturale è rilevante e oggi molti paesi europei hanno una maggiore predisposizione a utilizzare moderne tecnologie di pagamento: in Svezia, ad esempio, l’uso del contante rappresenta solo il 2% del valore totale delle transazioni; percentuale che in base alle previsioni scenderà di mezzo punto percentuale entro il 2020.

‘Stiamo vivendo un periodo di grande fermento intorno agli epayments – conclude Francesco Luongo – L’Italia deve accelerare il proprio processo di crescita, soprattutto in vista dell’entrata a pieno regime delle novità introdotte dalla Psd2, che cambierà completamente volto alla finanza digitale. È tuttavia necessario che questa accelerazione non riguardi esclusivamente le infrastrutture che sorreggono i pagamenti digitali, ma anche le abitudini e la dimestichezza dei consumatori verso questi strumenti’’.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684