Palermo, tre condanne per omicidio Aldo Naro in discoteca

Palermo, tre condanne per omicidio Aldo Naro in discoteca

epmedia

Palermo, tre condanne per omicidio Aldo Naro in discoteca

Redazione  |
sabato 10 Giugno 2023

Il processo è il quarto sulla vicenda e un quinto è nella fase dibattimentale in corte d'assise.

Partecipazione alla rissa e favoreggiamento. Questi i capi di imputazione con i quali il giudice monocratico del tribunale di Palermo, Sergio Ziino, ha condannato tre persone per la rissa avvenuta alla discoteca Goa di Palermo la notte di San Valentino del 2015, in cui morì il giovane medico Aldo Naro.
 I capi d’imputazione riguardano la partecipazione alla rissa e il favoreggiamento. Chiamati a rispondere di rissa aggravata dall’evento morte Troia e Basile. Barbaro, invece, di favoreggiamento perché dopo il delitto all’interno del suo locale, avrebbe eluso le indagini dei carabinieri non indicando loro alcun dettaglio utile a dare un volto e un’identità all’omicida, l’allora buttafuori abusivo minorenne Andrea Balsano, che ha ucciso il giovane medico sferrandogli un violento calcio alla nuca. Ai militari, il gestore della discoteca avrebbe girato false indicazioni su fisionomia e abiti indossati dal ragazzo quella notte.

Le condanne

Il processo è il quarto sulla vicenda e un quinto è nella fase dibattimentale in corte d’assise. Lo scrive il Giornale di Sicilia. Condannati a un anno e 10 mesi ciascuno il buttafuori cinquantenne Francesco Troia, attualmente alla sbarra in assise per il delitto, e il cinquantatreenne Massimo Barbaro, proprietario della discoteca Goa di Palermo, assistito dall’avvocato Giovanni Di Benedetto. Mentre un anno è stato inflitto al trentunenne Antonio Basile. Troia e Basile sono assistiti dagli avvocati Salvino Pantuso e Filippo Sabbia. La pena è stata sospesa per tutti.

Il risarcimento

Il giudice Sergio Ziino ha pure condannato i tre imputati al pagamento delle spese processuali e di un risarcimento in favore delle parti civili, ossia i genitori della vittima e la sorella, Rosario Naro, Anna Maria Ferrara e Maria Chiara Naro (assistiti dagli avvocati Antonino e Salvatore Falzone) secondo l’entità che poi verrà stabilita in un giudizio dedicato.
    I familiari di Aldo Naro, profondamente amareggiati dalla lentezza della giustizia, di recente hanno deciso di non assistere più in aula. Questo è uno dei cinque processi che, nel tempo, si sono succeduti. L’ultimo, ancora in corso, è quello che vede tre imputati alla sbarra, in corte d’assise, per rispondere di omicidio.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001
Change privacy settings
Quotidiano di Sicilia usufruisce dei contributi di cui al D.lgs n. 70/2017